Copenaghen, turbine eoliche come opere d'arte

Eolico off shoreL'eolico è oggetto spesso di numerosi dibattiti in cui si dividono in modo abbastanza netto le opinioni dei favorevoli e quelle dei contrari. Tuttavia, in Danimarca, c'è chi va oltre e definisce addirittura le turbine eoliche come "vere e proprie opere d'arte".

Parole e musica dell'ingegnere danese Niels Lund del Copenaghen Environment and Energy Office, proprietario di sette aerogeneratori del parco eolico Middelgrunden OFF-Shore Wind Farm che si trova di fronte a Copenaghen nello stretto tra mar Baltico e Kattegat. Copenaghen è una delle capitali europee dell'ambiente per eccellenza e la Danimarca conta 5.200 turbine eoliche che coprono il 20% del fabbisogno di energia elettrica nazionale.

La Danimarca iniziò nel '78 a investire sull'energia eolica ed è ora diventato anche il primo produttore al mondo di tecnologia: il 35% delle turbine nel mondo sono danesi. Secondo Lund lo sviluppo di questa tecnologia nello stato nord europeo si deve sopratutto ad una attenta programmazione politica, anche se, continua l'esperto, il panorama è cambiato negli ultimi anni.

Nonostante più della metà dei danesi sia favorevole all'installazione di nuove turbine eoliche - spiega Lund - negli ultimi sei anni non se ne sono più costruite di nuove. Il nuovo governo è meno favorevole: prima i prezzi a cui viene comprata l'energia erano competitivi e la rete di distribuzione dell'energia prodotta doveva farsi carico dell'allaccio delle turbine alla propria rete, dato che i parchi sono di privati e piccole società, non dello Stato.

Lund rimarca inoltre l'aspetto dell'aumento dei prezzi. Il costo medio delle turbine di sua proprietà si aggira sui 2,3 milioni di euro, cioè un aumento del 30-40% rispetto a qualche anno fa. Nonostante questa fase di stallo Lund ha già pronti altri tre progetti off shore.

Via | Ansa.it
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: