L'EPA non prevede uno standard per il perclorato

waterLa U.S. Environmental Protection Agency non prevede di fissare uno standard per la quantità di perclorato contenuta nell'acqua potabile. Il perclorato è un comune contaminante utilizzato come combustibile per razzi e fuochi d'artificio. La decisione, segnalata dal The Washington Post, proviene da un documento nel quale l''EPA dichiara di non aver prefissato una determina di regolamentazione preliminare, riducendo addirittura da 45 a 30 giorni il periodo di osservazione dell'acqua.

Il perclorato è stato rilevato in 400 località statunitensi, tra cui oltre 100 in California. La California ha fissato un livello massimo di perclorato di 6 parti per miliardo, il Massachusetts invece ha stabilito una quantità di 2 ppb (parts per billion) nelle acque potabili. Nel 2002, gli scienziati dell'EPA hanno sviluppato un progetto di protezione per ottenere un livello di 1 ppb di perclorato nell'acqua potabile, presumendo che l'assunzione di questa sostanza provenisse solo dall'acqua. In realtà, il perclorato si ritrova anche nel latte, lattuga e altre fonti di cibo.

Ricordiamo che il perclorato, come tutte le sostanze contaminanti, ha effetti dannosi sul nostro corpo, infatti crea problemi a livello di metabolismo, nonché allo sviluppo mentale e fisico. La decisione di non regolamentare la quantità di perclorato nell'acqua potabile solleva quindi seri interrogativi circa l'adeguatezza del ruolo dell'EPA all'interno del processo di regolamentazione.

Via | TheSun.com
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail