Seguici su

Automobili GPL e Metano

Autostrada Orte-Mestre: a Ravenna un convegno per dire no all’opera da 10 miliardi di euro

Una cordata di associazioni ha creato la Rete Stop Orte-Mestre che si oppone alla costruzione di questa nuova arteria transappenninica che unirebbe il Lazio al capoluogo veneto

 

Dieci miliardi di euro in project financing per 396 chilometri. Sono questi i numeri da capogiro (tanto per fare un esempio quelli necessari a Cipro per non fare bancarotta) dell’autostrada Orte-Mestre che dovrebbe attraversare cinque regioni simmetricamente tracciando una sorta di grande x con la parte settentrionale della dorsale appenninica.

Domani, sabato 25 maggio, a Ravenna si terrà il primo convegno nazionale per portare alla luce dei media e della politica un progetto che soffre di un’eclissi permanente da parte dei media mainstream, sempre di più arrendevoli sponde per i grandi progetti frutto di una concezione ottocentesca e industriale del progresso.

Della Rete Stop Orte-Mestre fanno parte WWF Italia, Legambiente, Mountain Wilderness Italia onlus, Forum Salviamo il Paesaggio, Stop al Consumo di Territorio, Federazione Nazionale Pro Natura, Movimento 5 Stelle.

Relatori di livello internazionale descriveranno il progetto affrontando gli aspetti trasportistici, economico-finanziari e di impatto ambientale. Il comitato ha redatto un decalogo dei “buoni motivi” per non approvare l’opera:

1)    Il costo dell’opera – 10 miliardi di euro – non è economicamente sostenibile – tanto che persino il Ministero dell’Economia ha sollevato di recente numerose obiezioni;

2)    Lungo il suo percorso l’autostrada provocherebbe gravi danni a zone di grande interesse paesaggistico e naturalistico (Delta del Po, Vali di Comacchio, laguna di Venezia, Parco delle Foreste Casentinesi e valli appenniniche);

3)    Il percorso consumerebbe suolo prevalentemente inedificato;

4)    Favorirebbe la cementificazione delle aree libere adiacenti alle infrastrutture di accesso;

5)    Determinerebbe un sensibile aumento dell’inquinamento acustico e atmosferico e avrebbe conseguenze anche sugli equilibri idrogeologici delle aree più fragili;

6)    Presenta un equilibrio costi-benefici estremamente negativo poiché i flussi di traffico attuali e futuri non giustificano la costruzione di un’altra autostrada;

7)    Privilegerebbe il trasporto su gomma nei confronti di quello ferroviario o marittimo;

8)    Sposterebbe su questa grande opera le risorse necessarie per la manutenzione delle strade già esistenti;

9)    Avrebbe tempi di realizzazione molto lunghi (dai 10 ai 15 anni) in cui gli scenari economici e trasportistici potrebbero cambiare radicalmente;

10) Favorirebbe la corporazione dei concessionari autostradali e le imprese edili che speculano su questo tipo di operazioni.

L’appuntamento, dalle ore 10 alle 17:30 è alla sala d’Atorre, presso la Casa Melandri di Ravenna, in via Ponte Marino.

Via | Altreconomia

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa