Approfondimenti sul gel fotovoltaico

Gel fotovoltaico infissiPoco tempo fa su Ecoblog trattai di una notizia relativa al lancio commerciale di un gel fotovoltaico brevettato dalla Esco Saving Company di Potenza. In virtù dei numerosi commenti che vennero rilasciati ho cercato qualche notizia più dettagliata sul prodotto e, vi garantisco, non con poche difficoltà. Dal sito ufficiale dell'azienda si apprende infatti che il prodotto non può essere spiegato nei minimi particolari in quanto, proprio per la sua originalità, merita di essere raccontato nei dettagli dagli esperti dell'azienda stessa.

Secondo quanto riferisce il sito web si tratta di un prodotto estremamente efficace in quanto permette di metter su un impianto fotovoltaico senza impianti fissi ed ha inoltre l'enorme vantaggio di poter essere applicato su superfici già esistenti come per esempio lo sono gli infissi. Il prodotto, si apprende quindi, sarebbe capace di fornire in adeguate condizioni, almeno 1 kW di produzione di energia elettrica per unità abitativa.

Il vantaggio più importante sarebbe proprio quello di non dover costruire alcuna superficie esterna alla propria abitazione. Il gel obbliga naturalmente alla realizzazione di un sistema di conduttori per il trasporto della potenza elettrica all'unità d'inverter. Il prodotto in generale permettere un enorme abbattimento dei costi sia dal punto di vista della produzione che del "montaggio", oltre che permettere un sistema a basso impatto applicativo per quel che riguarda i cavi conduttori del sistema.

Secondo l'azienda i sistemi tradizionali (cristallino, amorfo e film sottile) evidenziano importanti limiti quali la scarsa disponibilità di silicio dovuta alla crescente domanda della materia prima oltre che la limitata applicabilità alle abitazioni esistenti e la necessità di alte energie per la produzione. Il gel fotovoltaico, viene riportato, ha bisogno di basi silicee meno purificate, si integra perfettamente alle abitazioni esistenti e la materia prima viene elaborata tramite sistemi a bassa energia.

Capitolo costi. Il coefficiente di prestazione economica del gel fotovoltaico, ovvero il rapporto fra l'efficienza ed i costi, risulta essere al secondo posto in termini di convenienza, appena dopo i pannelli a silicio monocristallino, ma davanti alla tecnologia a film sottile e al pannello amorfo. E' probabile che i dubbi siano ancora tanti, per questo motivo Ecoblog continuerà a seguire l'argomento con un certo interesse, sperando naturalmente che la tecnologia si dimostri davvero affidabile e (qualora lo fosse) capace di entrare nel mercato.

Via | Escoenergy.eu
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: