Proposta di legge lombarda per promuovere i prodotti locali

Mercato della frutta al Cairo Sapete quanti chilometri fanno i prodotti che mangiate prima di arrivare sulla vostra tavola? Solo per fare un esempio, ma ne potrei fare molti altri, è stato calcolato dal Wuppertal Institute che un vasetto di yogurt venduto sugli scaffali di Stoccarda comportava oltre 9.000 km di trasporti.

Non si può andare avanti così. E mi fa piacere notare che ormai sembrino capirlo sia i politici di destra che quelli di sinistra. Due consiglieri regionali lombardi, appartenenti a schieramenti normalmente occupati a farsi la guerra, Carlo Monguzzi (Verdi) e Carlo Saffioti (FI) hanno presentato una proposta di legge sui "Kilometri Zero".

Prevede che almeno il 50% dei prodotti agricoli usati dalle mense pubbliche siano prodotti all'interno della regione, e favorisce l’incremento della vendita diretta di prodotti agricoli di origine regionale anche nel circuito della distribuzione.

Questa volta la Lombardia non è arrivata per prima, visto che sono state già approvate due leggi simili in Veneto e in Calabria. E Legambiente insieme alla Coldiretti hanno depositato alla Camera una proposta di legge dello stesso tenore (“norme per la valorizzazione dei prodotti provenienti da filiera corta a chilometro zero e di qualità”).

Cosa ne penso di tutto questo? Pari pari quello che dice lo slogan della Coldiretti: “Comprando prodotti locali si possono risparmiare cento euro al mese (su 467 di spesa media) ma anche mille chili di CO2 l’anno”. Risparmi e fai bene all'ambiente, cosa si può volere di più?

Via | www.carlosoffiati.tv, Federazione dei Verdi, Corriere della Sera

Foto| Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: