Energia Vs Acqua: crisi convergenti?

Bicchiere d'acquaFra picchi del petrolio, blackout elettrici, cambiamenti del clima e desertificazione, è sempre maggiore la consapevolezza che il mondo sta per trovarsi di fronte non soltanto alla crisi energetica prossima ventura, ma anche a quella dell'acqua. Già nel mese scorso infatti, la rivista Scientific American pubblicava uno speciale approfondimento intitolato Terra 3.0, con titolo di copertina "Energia Vs Acqua".

L'articolo esplora la dicotomia fra il fatto che c'è bisogno di energia per produrre acqua e il fatto che occorre acqua per ricavare energia. Poiché abbiamo raggiunto stiamo raggiungendo il cosiddetto picco del petrolio, appare verosimile che si stia avvicinando anche un picco dell'acqua. Questo crea un dilemma interessante, la cui soluzione richiederà non poca innovazione tecnologica.

I biocarburanti, che molti ancora considerano un'opzione per alleviare la dipendenza dal petrolio, arrivano consumare oltre 20 volte più acqua della produzione di benzina. Non tutti i biocarburanti comunque sono uguali. Alcuni hanno un impatto maggiore di altri, e il Consiglio di Ricerca Nazionale americano ne ha esplorato molto bene le implicazioni in una pubblicazione liberamente disponibile online, intitolata "Water Implications of Biofuels Productions in the United States".

Le tecnologie elettriche e ibride per il trasporto sono un'altra soluzione, decisamente minoritaria, all'importazione di carburanti da fonti fossili. Ma se passiamo alle auto elettriche avremo di più elettricità e al momento molta dell'elettricità è generata con impianti che bruciano qualcosa - carbone, petrolio, gas naturale, uranio - e questi impianti, di solito sono voraci di acqua, che usano per i sistemi di raffreddamento.

Attualmente gli ingegneri dell'esercito americano stanno cercando di trovare una mediazione ad un interessante e drammatica questione attinente la dicotomia acqua - energia, visto che gli stati della Georgia e dell'Alabama sono andati pericolosamente vicino al dover staccare la spina alle loro centrali nucleari a causa della mancanza d'acqua per gli impianti di raffreddamento.

L'articolo dell'autorevole Scientific American prosegue dicendo che "qualsiasi passaggio dai veicoli a carburante a quelli elettrici o a biocombustibile costituisce una decisione strategica nel transitare dalla dipendenza che abbiamo dal petrolio ad un'altra dipendenza, quella dall'acqua".

Datemi pure dell'apocalittico, ma sono sempre stato dell'idea che prima che finiscano le guerre per il petrolio cominceremo ben presto quelle dell'acqua; qualcuno si ricorda ancora il caso di Cochabamba in Bolivia?

Via | CleanTechnica
Foto | darkpatator

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: