Greenpeace contro i pirati del tonno rosso

il manifesto cotnro la pesca al tonno rosso di greenopeace

Non c'è che dire: la campagna di Greenpeace a proposito della salvaguardia del tonno rosso è geniale e il risultato lo vedete nella foto sopra.

Scrive Greenpeace:

I Paesi con le peggiori performance nella protezione dello stock del tonno rosso dalla pesca pirata sono l’Italia, la Francia e la Spagna. Se c’è qualcuno a cui bisogna chiedere di bloccare la pesca pirata sono i Ministri della Pesca di questi Paesi: Luca Zaia, Michel Barnier ed Elena Espinosa.

La moda alimentare del tonno rosso, specie nei mercati giapponesi, è una croce che sta portando al collasso la pesca non solo italiana. Dice Greenpeace:

Gli scienziati stimano che le catture totali del tonno rosso sono circa il doppio di quelle legali e il quadruplo di quanto lo stock è oggi in grado di sostenere se si vuole dare al tonno rosso una possibilità di recupero. Occorre un nuovo tipo di gestione ora! Per salvare i tonni e i pescatori, l’Iccat decida per la chiusura immediata della pesca del tonno rosso del Mediterraneo.

Se volete potete firmare la petizione per chiedere al Ministro Zaia di fermare questo scempio.

Via | Comunicato stampa
Foto | Greenpeace

  • shares
  • Mail