Fertilizzare gli alberi contrasta i cambiamenti climatici

Alberi e foglieL'osservazione è di Federico Magnani, dell'Università degli Studi di Bologna; fertilizzare gli alberi, o "doparli" come Catherine Brahic scrive su New Scientist, con azoto, stimola la loro capacità di assorbire più diossido di carbonio, andando ad incrementare il loro albedo, e riflettere così più radiazione solare.

In un nuovo studio pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences, Scott Ollinger dell'Università del New Hampshire con diversi colleghi ha scoperto che le volte delle foreste con più alta concentrazione di azoto tendono a trattenere più CO2 e a riflettere più energia solare di quelle con minori quantità di quel nutriente.

Magnani, che ha trascorso molti anni a studiare l'assorbimento di anidride carbonica negli alberi fertilizzati, è giunto alle stesse conclusioni in un suo studio di 2 anni fa, pubblicato su Global Change Biology.

Ci sono dieci anni di studi inoltre che dimostrano che l'aumento del deposito di azoto, per effetto dell'inquinamento, ha un effetto "dopante" nell'immagazzinamento di anidride carbonica da parte degli ecosistemi, quindi la conclusione sarebbe che un trattamento mirato controllato a base di azoto, aumenterebbe il cosiddetto sequestro di CO2 sia sugli alberi che al suolo.

Ollinger ha anche sottolineato che le specie di alberi con più alta concentrazione di azoto tendono anche ad assorbire più acqua, il che significa che un trattamento a base di azoto potrebbe contribuire ad aggravare situazioni di siccità e di scarsità delle riserve idriche.

Federico Magnani da parte sua ha osservato che dopotutto questo trattamento a base di azoto è "ciò che stiamo già facendo da quasi un secolo a questa parte".

Secondo gli esperti comunque sono ancora poco note le possibili interazioni tra l'azoto e l'albedo e gli effetti che le modifiche sull'albedo avrebbero sulle foglie di alcune specie di alberi, per non parlare dei problemi dovuti ad un aumento - sia pure controllato - di sodio, che è un inquinante e potente gas serra.

Via | NewScientist.com
Foto | włodi

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: