Quasi l'80% dei comuni a rischio frane e alluvioni. Bertolaso: "Più prevenzione"

Ecosistema Rischio 2008 "Meno sagre della salsiccia, più prevenzione", è la frase con cui Guido Bertolaso ha chiuso la conferenza stampa di presentazione del dossier Ecosistema Rischio 2008 elaborato da Legambiente e dal Dipartimento della Protezione Civile sul rischio idrogeologico nei Comuni Italiani. Il rapporto presenta una doppia faccia del problema, un buon miglioramento della Protezione Civile sul territorio, che permette di ridurre notevolmente danni e vittime in seguito ad eventi catastrofici, ma grandi ritardi per quanto riguarda la prevenzione.

Qualche dato. Il 77% dei comuni italiani interessati dall'indagine (quasi 1500) ha edifici in aree a rischio idrogeologico, quindi minacciate da frane ed alluvioni. Tra questi ci sono anche comuni che hanno interi quartieri o addirittura zone industriali. Giusto per chiarirci, in teoria nelle zone a rischio sarebbe bene non costruire nulla, per evitare danni, vittime, incidenti idustriali, eccetera. Non è sempre possibile (anzi) costruire argini di cemento per evitare le alluvioni. Sarebbe meglio che questi edifici venissero delocalizzati in aree più sicure. E questo purtroppo è un dato dolente, solo il 5% dei comuni lo fa.

Passando ai numeri "positivi", l'80% dei comuni si è dotato di un piano di emergenza in caso di frane e alluvioni, e nella maggioranza dei casi i piani sono stati anche aggiornati negli ultimi due anni. Questo non è un dato da sottovalutare, perchè, come ha sottolineato il Presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, "i cambiamenti climatici stanno causando un aumento di eventi catastrofici e improvvisi anche in quelle aree dove normalmente non accadevano, quindi è necessario che i piani vengano aggiornati. Piani e interventi di prevenzione dovrebbero essere una opera pubblica in cui il governo deve investire".

Bertolaso ha poi sottolineato come la Protezione Civile sia cresciuta notevolmente negli ultimi anni, e come sia aumentata notevolmente la consapevolezza del problema a livello politico locale. Anche se rimane molto da fare. Sempre Bertolaso ha commentato che "la prevenzione non è un argomento da campagna elettorale, ma i sindaci dovrebbero fare un elenco delle priorità, e capire se è più importante spendere 1000 euro per pulire l'argine di un fiume o mettere in sicurezza il controsoffitto di una scuola, oppure organizzare la sagra della salsiccia".

» Il Dossier Ecosistema Rischio 2008

Foto | Roby Ferrari

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: