Comune di Verona: rifiuti videosorvegliati

Area videosorvegliataLa città di Verona lancia un'iniziativa particolarmente interessante in tema di rifiuti. L'amministrazione locale ha infatti installato, da qualche settimana, un sistema di viedosorveglianza sui rifiuti. Le telecamere, che al momento sono state messe solo in alcune zone della città, saranno a contatto diretto con la polizia municipale.

La tecnologia si occuperà di monitorare alcune zone critiche, supervisionando il corretto smaltimento dei rifiuti e degli scarichi abusivi (divani, pneumatici, lavatrici, materiali edili etc.) che, se smaltiti in maniera impropria, generano costi pesanti per i cittadini veronesi oltre che un danno ambientale e di decoro.

L'iniziativa avrà inoltre lo scopo di verificare eventuali sconfinamenti e scarichi da parte di cittadini non facenti parte del comune. L'amministrazione locale ha giustificato questa iniziativa come strumento non solo educativo, ma anche efficace per tenere sotto controllo il problema rifiuti.

A tal proposito gli aministratori hanno previsto per tutti i trasgressori delle sanzioni che vanno dal penale, per chi abbandona rifiuti speciali, ad una multa di 450 euro per chi lascia in giro il comune sacchetto dei rifiuti. Il sistema, che come già anticipato sarà in comunicazione con la polizia municipale, trasmetterà le immagini agli agenti i quali, ogni due ore, ne visioneranno i contenuti.

Qualora dovessero essere viste operazioni scorrette verrà inviata la multa all'interessato, che verrà rintracciato attraverso la targa dell'automobile. Attualmente le telecamere sono in funzione in solo in quattro zone della città, direttrici principali d'ingresso al territorio comunale. L'obiettivo, sottolinea il sindaco Flavio Tosi, è che il fenomeno di smaltimento scorretto di rifiuti venga, se non totalmente debellato, quantomeno ridotto drasticamente.

Via | Veronaoggi.it
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: