Tratta dei cuccioli: si apre l'ipotesi di reato

CuccioliIntroduzione del reato di tratta di cuccioli la nascita di una task force per combattere il commercio illegale di cuccioli: queste le due proposte avanzate stamane alla conferenza stampa sull'argomento voluta dal Ministro degli Affari Esteri, Franco Frattini.

Ha detto il Ministro Frattini:

Vorrei pensare con i ministri della Giustizia Angelino Alfano e del Welfare Maurizio Sacconi, di inserire un reato specifico per la tratta di cuccioli, perché si tratta di violazioni che non possono essere punite solo con una multa . Assieme al sottosegretario alla Salute Francesca Martini intendo inoltre coinvolgere attivamente le autorità dei Paesi più interessati al traffico illegale di cuccioli: Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia, Bulgaria e altri. L'obiettivo e' spingerli a intensificare i controlli all'origine, soprattutto negli allevamenti. Ho chiesto inoltre alla commissaria europea alla Salute, Androulla Vassiliou, un intervento di armonizzazione delle norme, la revisione degli standard dei microchip per una sicura tracciabilità degli stessi e la definizione di rigorosi protocolli a livello comunitario per tutte le patologie che rappresentano causa di morte per gli animali.


Il traffico di cuccioli è divenuto una piaga insostenibile: infatti i piccoli di cane, gatto ma anche di animali esotici, sono importati illegalmente nel nostro Paese non solo in condizioni inamissibili e crudeli ma non sono tutelati con le vaccinazioni. Per cui, la maggior parte di loro si ammala e spesso è destinata alla morte.

Ha detto Carla Rocchi Presidente dell'Enpa:

Le misure proposte oggi hanno il nostro pieno appoggio. Come associazione animalista, noi ci battiamo già da tempo per combattere un fenomeno criminale che si sta diffondendo a macchia d’olio; siamo, dunque, felici di trovare una sponda nelle più alte autorità dello Stato.

Via | Enpa
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: