Avanza il mini eolico italiano, ma lo Stato sta a guardare

Mini eolicoLeggevo qualche giorno fa su Ecoblog una segnalazione fatta da Rolloden relativa alla commercializzazione di una piccola turbina eolica totalmente made in Italy. Partendo da questo spunto mi sono preso la briga di cercare quali aziende italiane producano questo tipo di tecnologia. Oltre alla già segnalata Deltatronic ne ho trovato delle altre che annoverano nella loro gamma di prodotti piccoli aerogeneratori, fra queste: Ropatec, Flexienergy, Jonica Impianti, Blu Mini Power.

La maturità di queste tecnologie è ormai abbastanza elevata e, in condizioni di buona ventosità (di norma luoghi con una media di almeno 4 o 5 m/s), si può avere una buona produzione elettrica, superiore in alcuni casi, a quella che si avrebbe a parità di potenza dai pannelli fotovoltaici. Sopratutto per case isolate, centri commerciali o fabbricati industriali potrebbe essere un'ottima soluzione alternativa. A tal proposito verrebbe da chiedersi il motivo per cui la tecnologia non prenda piede in Italia.

Mettendo per un attimo da parte i noti svantaggi (rumorosità delle macchine, manutenzione, difficile predicibilità del vento), vi è infatti un aspetto che probabilmente più di tutti frena la crescita del settore, ovvero l'immobilità del governo in materia di incentivazione al mini eolico.

La Finanziaria 2008 aveva stabilito che anche per il settore in questione fosse previsto un conto energia con caratteristiche simili a quelle definite per il fotovoltaico, tuttavia, ad un anno dall'emanazione del documento, ancora non sono stati pubblicati i decreti attuativi in materia.

A partire dal 1° gennaio 2008 per i nuovi impianti eolici (con potenze fino a 200 kW), sarebbe infatti stato possibile optare, in alternativa ai certificati verdi, per una tariffa incentivante fissa onnicomprensiva pari a 0,30 €/kWh della durata di 15 anni. Però senza i provvedimenti attuativi, il documento della Finanziaria è praticamente privo di significato venendo a mancare le linee guida di regolamentazione.

Questa immobilità determina che gli impianti mini eolici realizzati fino ad oggi vengano penalizzati per quel che riguarda la loro diffusione e gli investimenti delle aziende permangano pertanto in fase stagnante. La stagione politica non sembra inoltre far supporre novità positive a breve termine in questa direzione e questo determinerà inevitabilmente che l'Italia, ancora per tanto tempo, rimanga fra le ultime ruote del carro dei Paesi Europei in materia di energie rinnovabili.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: