Zaia: "Sulle tavole di Natale lo sciopero dell'ananas"

Sciopero dell\'ananas Stamattina il Ministro alle politiche agricole Luca Zaia, ha invitato noi tutti a non mettere sulle tavole natalizie l'ananas dicendo:

I consumatori italiani devono sapere che il made in Italy è sicuro e che la carne di maiale, sulla quale in questi giorni è puntata l’attenzione di stampa e istituzioni, è sicura se proviene dai nostri allevamenti. Sì, quindi, a zampone e cotechino. E no, invece, ai prodotti fuori stagione, che non appartengono alla nostra tradizione e che, spesso, vengono coltivati in Paesi dove è ancora possibile utilizzare insetticidi epatotossici, e talvolta, cancerogeni. Suggerisco quindi di cominciare lo sciopero dell’ananas e preferire, per il pranzo di Natale, qualcuno degli oltre 2500 prodotti tipici di questa stagione.

I dati Istat dicono che l'import di ananas è aumentato del 5% rispetto allo scorso anno,pari a 105 milioni di chili per un valore di 73 milioni di euro nei primi nove mesi di quest'anno.

Ma c'è qualcuno, anzi più di qualcuno che crede che non sia proprio il caso di fare lo sciopero dell'ananas.

Un "casalingo di Voghera" scrive al quotidiano Varese News:

Rimango ogni giorno più esterrefatto dalle dichiarazioni dei nostri politici. Il ministro delle politiche agricole,in un momento di crisi ,quando la gente cerca di risparmiare il più possibile , dice: basta ananas a Natale mangiamo le nostre mele.

Forse il Ministro non sa che oggi l'ananas costa 1 euro al kg e se in offerta anche meno ,le nostre mele partono dai 2 euro in su. Ovviamente qualche cosa non funziona anche perchè ananas e banane devono fare i conti con il trasporto che non è indifferente, Pertanto invito tutti a lasciare mele , pere sui banchi e ad acquistare ananas e banane molto più nutrienti e a metà prezzo. Non solo a Natale ma tutto
l'anno.
Cordiali saluti

Ecco, appunto, cordiali saluti anche a tutti gli inviti ad acquistare frutta e verdure di stagione per una spesa sostenibile o ai Farmer's Market.

Ma se non calano i prezzi dei generi alimentari non sarà facile convincere le persone che è anche dalla spesa che passa la tutela dell'ambiente.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: