Come sarà l'auto del futuro?

E' la domanda che molti si pongono: l'auto di domani sarà a idrogeno o a batterie? In proposito, segnaliamo la risposta dell'Associazione tedesca per l'idrogeno e le celle a combustibile (DWV), che risolve il dilemma: entrambe, poiché le due tecnologie sono complementari.

Mentre da un lato un veicolo a batterie "puro" non rappresenta la soluzione per le esigenze di mobilità del futuro, dall'altro le celle a combustibile necessitano le batterie; tutti i prototipi a celle a combustibile, infatti, includono le batteria come buffer per lo stoccaggio ed il recupero di energia.

In breve, secondo la DWV, l'auto del futuro avrà un motore elettrico, una cella a idrogeno (e relativo serbatoio) ed una batteria. L'Associazione tedesca elenca i classici difetti delle batterie, che nonostante l'attuale ed intensa attività di ricerca non potranno essere eliminati (delle innovazioni significative nella densità di energia ed altri parametri critici non arriveranno prima di 15-20 anni).

Le batterie sono troppo pesanti, ingombranti in volume e lente a ricaricarsi, al contrario dei sistemi idrogeno-fuel cell, per questo la DWV ritiene che batterie e celle a combustibile si completino a vicenda. Batterie e le celle a combustibile sono anche simili per bilancio ecologico, in quanto l'impatto sull'effetto sera di elettricità e idrogeno dipende dal modo in cui sono prodotti.

Via | NetInform
Foto | James Williamor

  • shares
  • Mail
49 commenti Aggiorna
Ordina: