Un satellite giapponese misurerà i gas serra

L’agenzia aerospaziale di esplorazione giapponese - ovvero la Japan Aerospace Exploration Agency, JAXA - intende lanciare, il 21 gennaio 2009, un satellite che dovrà monitorare i livelli di anidride carbonica e metano nell’atmosfera terrestre.

Il numero dei punti di osservazione dei gas ad effetto serra sul terreno sono limitati e distribuiti in maniera diseguale. Il Greenhouse Gases Observing Satellite (GOSAT), conosciuto anche con il nome di Ibuki - respiro -, fornirà agli scienziati le informazioni necessarie per calcolare la densità delle emissioni di anidride carbonica e di metano provenienti da 56.000 siti sparsi su tutta la superficie terrestre. I dati ottenuti verranno combinati con quelli ottenuti da 282 siti sul terreno e arricchiti da modelli di simulazione, che permetteranno di misurare per la prima volta anche le emissioni del Sud del mondo o la concentrazione al di sopra dei mari - finora c'erano pochissimi dati.

Equipaggiato con due sensori, il GOSAT sparerà raggi sulla Terra, e grazie a questi calcolerà la densità dei due gas ad effetto serra, perché assorbono i raggi e certe lunghezza d'onda. Il progetto è costato 372,9 milioni dollari - corrispondenti a 35 miliardi di yen.

Via | Modus Vivendi, Reuters
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: