Tropea: una seconda frana. La Calabria sepolta dal fango

La prima pagina de La Calabria di oggi

Il quotidiano della Calabria titola la prima pagina di oggi: " La Calabria cade a pezzi", ed effettivamente l'impressione è quella considerato che nel giro di una settimana sono state due le frane a colpire la regione all'altezza dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria, la prima e più grave, la scorsa domenica che ha causato due morti, oggi un' altra a Tropea.

Non si sa quando la viabilità sarà ripristinata nei 60 km tra Cosenza e Falerna e tra Scilla e Villa Giovanni tratto chiuso ieri sera da Francesco Musolino Prefetto di Reggio Calabria.

La notizia riportata ovviamente da moltissime fonti attribuisce al maltempo lo stato di calamità che il territorio calabrese sta subendo. Antonino Monteleone, giornalista e blogger calabrese sa che non è così. Scrive sul suo blog:

Ma se la montagna che viene giù è proprio quella che costeggia l’autostrada, proprio quella “arginata” con un muretto ed una lamina d’acciaio (?) che viene divelta come fosse latta (!) allora c’è qualcosa che non va.
Il problema di un’autostrada che costa milioni di euro per ogni singolo chilometro. Anni di ritardi che hanno ingrassato le cosche di tutta la Calabria ed alimentato gli interessi di politici e funzionari. Ogni giorno di lavori è una fonte di guadagno, per tutti.

Guido Bertolaso, Capo della Protezione Civile aveva preannunciato il disastro due mesi fa. I geologi dicono che non sono mai stati ascoltati e intanto la Calabria continua a franare.

Via | Voceditalia , Il quotidiano della Calabria

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: