In Brasile la vendita dell'etanolo ha superato quella della benzina

Distributore bioetanolo Cresce la vendita di bioetanolo in Brasile, infatti per la prima volta nella storia del paese sud americano le vendite come carburante per autoveicoli hanno superato quelle della benzina. L'etanolo è un combustibile che può essere derivato da tante materie prime, ma che in Brasile viene trasformato in gran parte dalla canna dalla zucchero, attraverso un processo di fermentazione alcolica degli zuccheri presenti nella pianta.

In Brasile, gli scambi sono aumentati in un anno del 45%, raggiungendo la quota di circa 16 miliardi di litri venduti nei distributori sparsi nel Paese. Si tratta di cifre da capogiro da cui si evince come questo non sia ormai più un mercato di nicchia. Su Ecoblog abbiamo trattato più volte di biocarburanti e più volte ne abbiamo analizzato gli aspetti favorevoli e quelli contrari.

Di questi ultimi quello che naturalmente desta maggiori preoccupazioni è il possibile problema alimentare che la diffusione di queste energie potrebbe provocare. A tal proposito può essere utile sapere come dal governo brasiliano non è trapelata alcuna notizia circa le eventuali distorsioni del mercato alimentare (viste le quantità di bioetanolo utilizzate) o di dati circa il probabile aumento delle pratiche di deforestazione per far spazio a nuove aree coltivabili.

Gli stessi politici si sono però affrettati a far sapere come l’uso dell'etanolo in Brasile abbia impedito l’importazione di 1,1 miliardi di litri di gasolio, determinando circa 976 milioni di dollari di risparmio. Insomma la questione si sta evolvendo in maniera rapida e verso una precisa direzione.

Voi cosa ne pensate? Credete che i biocarburanti siano, al di là di tutto, un'ottima soluzione per ridurre la dipendenza dal petrolio o si tratta comunque di un'alternativa che provocherà invitabilmente problemi di difficile previsione?

Via | Rinnovabili.it
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: