Agli italiani piace acquistare piatti pronti: alla faccia del risparmio e della tutela dell'ambiente

Gli italiani acqistano sempre più piatti pronti

Agli italiani piace comprare primi piatti già pronti (+16 per cento), sughi pronti (+14 per cento), affettati imbustati (+18 per cento) e insalate di quarta gamma sulla base delle rilevazioni della Ref per Ancc-coop relative al primo semestre del 2008.

E a me viene da dire: alla faccia del risparmio e della tutela dell'ambiente.

Abbiamo un bel parlare qui su ecoblog di spesa a chilometri zero, eliminazione del packaging e crisi economica evidentemente argomenti che non toccano molti italiani, considerato che sempre secondo stime Coldiretti, sarebbero responsabili di queste impennate nei consumi dei piatti già pronti le coppie lavoratrici e i circa 6 milioni di single:

La crescita del consumo di piatti pronti sta portando ad una progressiva riduzione del tempo trascorso in cucina in Italia dove alla preparazione dei pasti di dedicano appena 34,9 minuti per il pranzo (il 4,7 per cento in meno rispetto all'anno precedente) di 33,1 minuti per la cena (-2,7 per cento) secondo un sondaggio Gpf.

Triplica, invece, rispetto al 2007 l'acquisto di verdure e frutta di quarta gamma, cioè quelle che si trovano confezionate in atmosfera protetta già pulite e lavate: nel 2008 ne sono state venduti 90 milioni di chili per una spesa di 700 milioni di euro.

Via | diariodelweb, Coldiretti
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: