Gli Stati Uniti temono un’invasione di pitoni moluri a causa dei cambimenti climatici

pitone moluroIl pitone moluro (Python molurus) è un grosso serpente che vive nelle foreste dell’India e del sud-est asiatico. Da adulto può raggiungere 8-9 m di lunghezza e arriva a nutrirsi di grossi mammiferi quali antilopi, cani o maiali.

Alcuni anni fa, degli esemplari di pitone moluro sfuggiti alla cattività sono riusciti ad ambientarsi nelle paludi della Florida e a dar vita a una popolazione cha ha poi iniziato ad aumentare di numero interagendo con la fauna locale e danneggiando il fragile ecosistema delle Everglades.

Infatti questi serpenti predano cervi e altri animali competendo con gli alligatori per il ruolo di predatori di vertice nell'ecosistema delle paludi. Tuttavia il problema, sia pur delicato, è rimasto fino ad oggi circoscritto alla Florida, a causa delle stringenti esigenze climatiche della specie che, come tutti i grandi boidi, è legata a temperature tropicali.

Un recente studio del U.S. Geological Survey però ha raggiunto dei risultati allarmanti. Infatti, tramite sofisticate analisi geostatistiche gli scienziati del USGS sono riusciti a mettere in relazione, partendo dalle esigenze bioclimatiche della specie, la distribuzione del pitone moluro con il clima nord-americano e hanno scoperto che entro il 2100 più di un terzo del territorio degli Stati Uniti sarà climaticamente idoneo ad ospitare questo grosso predatore.

I risultati ottenuti hanno spinto gli scienziati del USGS e del Everglades National Park a proseguire le ricerche, approfondendo la conoscenza del comportamento e della biologia di questo rettile per capire quali siano le condizioni che ne permettono la sopravvivenza e valutare quali potranno essere le conseguenze ecologiche, sociali ed economiche dell’espansione su vasti territori di un predatore di queste dimensioni. Conseguenze che, ovviamente, potranno andare molto al di là della sparizione di qualche animale da compagnia.

Via | Foxnews.com
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail