Depilatori di scoiattoli

scoiattolo rosso

Ci sono persone che, per lavoro, raccolgono peli di scoiattoli con tubo legato ad un tronco di un albero, in un bosco frequentato da scoiattoli, con dentro alcune nocciole a fare da esca.

La bestiola le vede, si infila nel tubo e lì dentro una striscia di nastro adesivo trattiene alcuni peli (pochissimi!) dello scoiattolo.

Crudeltà gratuita? No, anzi, tutto il contrario!

Si tratta di un sistema per raccogliere dati sulla distribuzione degli scoiattoli rossi (Sciurus vulgaris) e grigi (Sciurus carolinensis) nei boschi del Lago Maggiore.
I ricercatori vogliono sapere se gli scoiattoli che vivono nel Parco dei Lagoni di Mercurago sono grigi o rossi e lo fanno cercando di non traumatizzare le bestiole. Prendere solo qualche pelo senza catturarli e senza maneggiarli, è il sistema di censimento meno stressante per gli scoiattoli.

Gli scoiattoli rossi sono in diminuzione in tutta Europa, perché quelli grigi (provenienti dal Nord America) li stanno mettendo in difficoltà. Per poter proteggere quel che resta della nostra fauna dall'estinzione occorre prima di tutto sapere se c'è ancora qualcosa da proteggere. Ecco il senso della depilazione degli scoiattoli!

I risultati della ricerca saranno esposti venerdì 16 dicembre, alle 21:00, presso la sede del Parco (via Gattico 6 a Mercurago di Arona (NO) ) in una serata aperta al pubblico.

Su ecoblog avevamo parlato di scoiattoli qualche giorno fa.
La foto viene dalla wikipedia in inglese, dove sono descritte le due specie. Se masticate l'inglese potete leggere l'appello per salvare gli ultimi scoiattoli rossi del Regno Unito, dove i grigi sono arrivati e hanno spazzato via i rossi. proprio come sta accadendo in Italia.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: