Traffico energia rinnovabile (!?!)

Rampa elettricaL'energia è un problema serio, il prezzo del petrolio in continua crescita non fa altro che aumentarne l'effetto. La caccia alla soluzione ideale è partita e, come spesso accade, capita di incrociare soluzioni a dir poco "fantasiose".
Prendete per esempio l'idea della "rampa elettrica". E' una rampa da posizionare nelle strade cittadine in modo tale che al passaggio dell''auto venga generata corrente. A primo impatto sembra una bella idea.
Repubblica dice:
ad ogni passaggio di auto (a seconda del suo peso) si generano in modo del tutto gratuiti da 5 a 10 Kw, senza aumentare l'inquinamento e senza richiedere nessuno sforzo aggiuntivo ai motori delle auto.

I nostri amici di Autoblog ci pensano un po' su e dicono, giustamente:
i 10 KW sono una misura di potenza, che viene generata solo durante il passaggio del veicolo. Diciamo che su 5 metri di pedana, il veicolo passa in 1/2 secondo. L'energia elettrica accumulata è di circa 1,5 Wh. Meno eccitante, rispetto ai 10 KW della potenza, al passaggio sulla rampa l'auto verrà rallentata ("nessuno sforzo aggiuntivo" è impossibile). A meno che la pedana non venga installata ai semafori, e funzioni solo quando il semaforo è rosso, si sfrutta il lavoro di un motore a scoppio poco efficiente, per produrre (poca) energia elettrica. Ovviamente, se ci passa sopra un ibrido tipo Prius in rallentamento, l'energia sottratta non può essere usata per ricaricare le batterie.

Autoblog chiude l'articolo suggerendo che i 37.000 euro necessari per l'impianto potrebbero essere spesi per posizionare dei pannelli solari ai semafori. Noi aggiungiamo che se quei soldi fossero spesi per sostituire le lampadine dei semafori con quelle a basso consumo e bassa manutenzione sarebbe già un enorme successo (volendo i comuni potrebbero farlo anche gratis).

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: