Seguici su

Animali

LAV contro il gavage

Da anni la LAV si batte contro l’alimentazione forzata per ottenere il foie gras con una campagna di informazione e attivismo.

Il foie gras è il fegato di oche ed anatre gonfiato in modo abnorme a seguito di un metodo d’alimentazione denominato “gavage” (ingozzamento) che causa in questi animali l’insorgere di una malattia del fegato denominata steatosi epatica. Il trattamento dura dalle 2 alle 4 settimane durante le quali viene sparata direttamente nel gozzo degli animali, dalle 3 alle 8 volte al giorno, una palla di mais cotto e salato del peso di circa 400/500 grammi (come se una persona del peso di 80 Kg fosse costretta a mangiare 20 Kg di spaghetti al giorno). L’ingozzamento viene praticato attraverso un tubo metallico di circa 28 cm che viene infilato nella gola causando, tra l’altro, lesioni e fratture del collo e lesioni del gozzo con conseguenti infezioni, soffocamenti.
[…]
– non acquistare e non mangiare foie gras;
– richiedici volantini informativi e dovunque venga offerto il foie gras;
– chiedi ai ristoratori che lo propongono di eliminare il foie gras dal loro menu;
– scrivi ai responsabili dei supermercati chiedendogli di non vendere più foie gras;
– scrivi alla stampa locale informando sulla produzione del foie gras e chiedendo la divulgazione delle notizie;
– segnalaci le aziende che lo producono e le grandi catene di distribuzione che lo propongono;
– sostieni le iniziative sviluppate da LAV ed EAR a livello nazionale ed europeo per far cessare questa forma di sfruttamento e tortura degli animali.

Altri dettagli ed informazioni interessanti sono riportati sul sito della LAV

:: Siti
» Firma la petizione internazionale
» Gli altri post di Ecoblog
» Stop force feeding
» Manifesto per l’abolizione del foie gras

Tag: ,

Ultime novità