Il nucleare costa troppo, meglio la geotermia. Parola di economista


Guido Viale, economista, 66 anni autore di "Prove di un mondo diverso" (Nda Press) spiega dalle pagine di Vanity Fair (nr. 32) perché il nucleare è antieconomico e elenca le ragioni:

I costi di realizzazione (oggi 4,5 milioni di euro a centrale); il costo e la disponibilità dell'uranio che nell'arco di 50 anni sarà esaurito; le prevdibili, fortissime opposizioni che arriveranno da amministrazioni e popolazioni locali, un fattore di ritardo e lievitazione dei costi. L'unica centrale in costruzione in Europa è in Finlandia, qui il ritardo ha già fatto crescere i costi del 50%.

Le alternative
Puntare sulle energie rinnovabili: il sole, l'eolico e le biomasse. Ma anche la geotermia: se si riuscisse ad andare a 2000 metri sottoterra, in 10-15 anni potrebbe diventare la principale fonte di energia. Poi c'è l'energia idraulica, con mini impianti che sfruttano tutte le cadute d'acqua, comprese fogne e scarichi per alimentare le turbine. Alla base di tutto però ci dovrebbe essere un uso più razionale dell'energia: se in Italia usassimo solo i led invece delle lampadine, risparmieremmo da 2 a 3 centrali nucleari. Per non parlare dei risparmi possibili cambiando il sistema dei trasporti. Ma qui ci penserà il prezzo del petrolio a farci cambiare idea.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
99 commenti Aggiorna
Ordina: