Seguici su

Agricoltura

Frana a Ischia: Legambiente accusa la mancanza di attenzione politica verso la Campania


La frana di ieri a Ischia, episodio nel quale ha perso la vita una ragazza e circa venti persone sono rimaste ferite non è un caso, ma la conseguenza di anni di mancata attenzione politica, abusivismo e dissesto idrogeologico causato dall’uomo, come già segnalato in seguito al disastro di Messina. Così Legambiente, attraverso un comunicato stampa giunto alla nostra redazione, condanna l’incuranza della classe dirigente e l’incuria dei cittadini della Campania, regione dai piedi d’argilla.

Secondo i dati di Legambiente, l’86% dei comuni delle cinque province campane sono classificati a rischio idrogeologico. L’81% delle amministrazioni ha abitazioni nelle aree golenali, negli alvei dei fiumi e nelle aree a rischio frana, il 25% delle municipalità monitorate presenta interi quartieri in zone a rischio, mentre il 44% ha edificato in tali aree strutture industriali. In più, nel 23% dei casi presi in esame, nelle zone a rischio sorgono strutture sensibili come scuole e ospedali, oltre a strutture di ricezione turistica.

Ischia non fa eccezione in questo quadro di dissesto e abbandono: l’isola nota per le sue bellezze naturali, è anche conosciuta per l’abusivismo edilizio che la caratterizza, oltre che per i numerosi incendi che rendono il terreno ancora più instabile. Sebbene non si conoscano ancora le cause della frana di ieri, oltre alle piogge e ai cambiamenti climatici, le responsabilità sono sicuramente da cercare nell’azione impunita dell’uomo.

Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, ha commentato così l’accaduto:

Abbiamo a che fare anche con gli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Ma le piogge sempre più concentrate hanno conseguenze ancora più disastrose in quei territori dove già sussistono condizioni di rischio idrogeologico elevato, problemi di abusivismo, incuria del territorio e della sua vegetazione. (…)Bisogna affrontare subito le questioni strutturali e politiche che possano metterci al riparo dal ripetersi di eventi di questo tipo. La gestione accurata e sistematica del territorio deve essere una priorità politica tanto del governo centrale quanto degli enti locali“.

Foto | Flickr

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa