Giornata mondiale vegan: la risposta di Brigitte Bardot ai cambiamenti climatici

Il vertice di Copenaghen si avvicina a grandi passi e se le autorità politiche mondiali, forse, non sembrano badarci poi molto, da più parti si sollevano i cori affinché questo appuntamento non si risolva nell’ennesimo buco nell’acqua. E spesso sono proprio le star a fare la parte del leone. Prima fra tutte, la sempre splendida Brigitte Bardot, indefessa paladina dei diritti degli animali che, in questi giorni, ha scritto una lettera a Josè Manuel Barroso, il presidente della Commissione europea, circa l’opportunità di istituire una giornata vegetariana nell’UE. E non si tratta solo di una questione prettamente animalista, ci tiene a far sapere l’agguerrita attrice:

il settore dell'allevamento produce più gas serra del settore dei trasporti influenzando, di conseguenza, l’andamento del clima sul nostro pianeta. Pertanto è nostro dovere collettivo agire a tutti i livelli, compreso quello della promozione di uno stile di vita vegetariano.

Del resto, una giornata mondiale del vegetarianesimo esiste già e viene celebrata il primo ottobre ma l’Europa l’ha sempre accolta in modo piuttosto freddino. Chissà che colei che ha rappresentato il sogno erotico di mezza Europa non riesca a cambiare le cose, facendo breccia nel "cuore" di Barroso…

Via | corriere della sera
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: