Lettera aperta di un operatore agrituristico sulla "calamità eolica e fotovoltaica in Salento"

Eolico selvaggio in Puglia? Riporto di seguito la lettera che mi ha inviato Rocco Avantaggiato proprietario di un agriturismo nel salento, inviata anche Giorgio Napolitano, nostro presidente della Repubblica. Lamenta Rocco che le installazioni di impianti eolici e fotovoltaici in Puglia, non siano, a suo avviso, regolamentate e che dunque sebbene producano energia da fonte rinnovabile di fatto sull'ambiente hanno un impatto devastante. Noi di ecoblog ne abbiamo parlato qualche mese fa a proposito del documentario "J'accuse" che riprende gli interventi di Peppino Basile, consigliere provinciale assassinato nel 2008. Basile accusava le amministrazioni provinciali e regionali di svendere il paesaggio per le installazioni selvagge di torri eoliche svilendo quella che era la vocazione naturale del basso Salento, cioè l'agricoltura. La lettera giunge dopo che la Regione Puglia ha presentato per Serra di Corigliano un progetto di 18 torri eoliche.

Gentile Redazione,
riporto di seguito il testo di una mia lettera sul problema del fotovoltaico selvaggio che sta devastando la terra salentina. E' una lettera aperta al Presidente della Repubblica affinché intervenga facendo rispettare l'articolo 9 della Costituzione Italiana che tutela il paesaggio e che si sta calpestando nella Regione Puglia, nella più squallida strumentalizzazione a fini speculativi del Protocollo di Kyoto e al residente, Nichi Vendola, della Regione Puglia che sta acconsentendo ai suoi amici imprenditori di compiere questo “omicidio” di una terra intera, e infine al presidente della Provincia di Lecce perchè intervenga con forza fermando lo scempio e può farlo se lo vuole!!! E mi sento di dire che lo deve fare se davvero ama questa sua terra e ha a cuore la qualità della vita dei suoi abitanti!
Grazie,
Rocco Avantaggiato

Dopo il salto il testo della lettera.


Innumerevoli sono gli sforzi fatti sin oggi, per giungere all'attuale elevato trend di crescita del turismo in Puglia. Creazioni di marchi d'area, Salento d'Amare, Terra Jonica, Grande Salento; convegni; stati generali del turismo; investimenti; corsi di formazione; incentivi pubblici per il rifacimento dei muretti a secco; per la creazione dei corridoi verdi; piste ciclabili tra campi e uliveti; leggi per la tutela del paesaggio degli ulivi secolari; piani di valorizzazione del paesaggio rurale (PPTR); Forum per il Turismo; lauti finanziamenti europei per il recupero dell'isola linguistica della Grecìa Salentina, Notte dela Taranta, Parco dei Paduli-Bosco Belvedere, Parco costiero Otranto-Santa Maria di Leuca, ecc. ecc. Per giungere a riconoscimenti di altissimo livello del valore culturale e della potenzialità turistica del territorio salentino, confermati al grado massimo dal recente inserimento della Città di Lecce, e dunque dell'intero territorio, tra le dieci mete turistiche più importanti del mondo. Tutto questo rivoluzionario impegno culturale politico ed economico, per scoprire oggi, nello sconcerto più generale, che nella più totale disinformazione della gente, l'aspetto del territorio rurale sta per cambiare completamente, con la scomparsa stessa del concetto di "ruralità", a favore di una vera e propria selvaggia industrializzazione della campagna e degli ultimi spazi verdi rimasti al Salento. Decine, centinaia di grandi impianti d'energia solare fotovoltaica, al posto di uliveti, campi di grano, pascoli rocciosi dai variopinti colori! Migliaia di ettari sottratti ai salentini per produrre energia da esportare altrove, senza alcun vero beneficio per il popolo salentino. Si condanna per sempre e senza colpa alcuna, alla scomparsa la naturale vocazione agricola, pastorale, ed oggi finalmente anche turistica, della pittoresca campagna salentina, per la quale i nostri padri hanno duramente lottato. Chilometri di muretti a secco divelti, e insiemi ad essi si cancella l'identità, la storia e l'anima di questa terra. In un Salento in cui gli operai delle fabbriche protestano sui tetti, l’agricoltura è a strapezzi, gli istituti bancari abbandonano il territorio, avvilendo il turismo con la distruzione del paesaggio rurale, si abbatte l'unico settore economico che da alcuni anni a questa parta ha registrato solo dati positivi e incrementi importantissimi in grado davvero di assicurare un'economia sicura e sana con ricadute capillari su tutto il territorio. Percorrete, è l'invito che lancio a tutti, la strada provinciale Lecce-Galatina, fino a pochi mesi fa impreziosita da un paesaggio tripudio di pascoli e antiche masserie perfettamente inserite tra olivi e frutteti, la ritroverete sfregiata, stravolta dalla creazione di decine di deserti di pannelli accecanti di silicio, concentrati dietro reti metalliche che hanno preso il posto dei bei muretti a secco cancellati dalle ruspe. Paiono tanti campi di concentramento, tanto che “La Via dei Lager”, chiama, ormai qualcuno, quella strada. Ci sono richieste di migliaia di ettari da destinare a questo vero e proprio saccheggio del territorio, che sta avvenendo, cosa ancor più grave, all'insaputa della stragrande maggioranza dei cittadini, ad opera delle grandi aziende dell'energia straniere. Quando purtroppo la gente dovesse accorgersi pienamente dello scempio in atto, di fronte alla costruzione delle centinaia di torri eoliche alte circa 150m in ogni angolo del territorio, già autorizzate da parte della Regione Puglia, corriamo il serio rischio, che sia ormai troppo tardi per tornare indietro! "Ci stanno rubando anche il cielo", è proprio vero!

Non permetta la Provincia di Lecce, che tutto questo possa davvero avvenire! Tanti sono gli interessi in gioco, tante le pressioni sulle istituzioni da parte degli imprenditori, ma di fronte alla gravità di quanto sta avvenendo, di fronte alla certezza che tutto ciò cancellerà ogni ricordo della nostra terra, e con esso la nostra stessa memoria, il nostro essere salentini, le istituzioni, la provincia, col suo nuovo Presidente, Antonio Gabellone, e la sua giunta, l'APT, azienda di promozione turistica, le associazioni agricole, le associazioni turistiche, la camera di commercio, non possono ogni tanto ascoltare, a volte condividere e non agire, continuare a tacere, a far finta di tenere gli occhi chiusi e di non vedere mentre ci rubano anche il Sole; devono scendere al fianco della gente che si sta muovendo attivamente per salvare l’ “orizzonte quotidiano”! Il Salento non può essere difeso solo da comitati spontanei (che personalmente ringrazio per quanto fatto finora). E’ un grido di allarme a tutti i salentini, nella certezza che non è questo il modo di sfruttare le energie rinnovabili a distruzione della natura e del paesaggio, e lo dice una persona che ha scelto di vivere in campagna, di restaurare un’antica masseria, di promuovere il Salento con l’agriturismo e la produzione biologica di prodotti tipici, che ha creduto nelle potenzialità vere del Salento, insieme a tanti salentini e che perseguendo i principi della salubrità e dell’ecompatibilità, puntando su una produzione domestica dell’energia solare con pannelli non invasivi ed integrati sui tetti e nelle architetture rurali. Urge al più presto una moratoria di tutte le centinaia di progetti in itinere o in costruzione di impianti industriali di mega-eolico e mega-fotovoltaico; urge la forza e la capacità di dire ‘No’ a tutto ciò che costituisce un danno per tutti ed un bene solo per pochi, pochissimi! Chi può intervenire e non lo fa si rende solo complice di tutta questa inutile ed immorale devastazione!
Rocco Avantaggiato

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
35 commenti Aggiorna
Ordina: