Anche gli animali d'allevamento hanno diritto al benessere

benessere animale

Dopo avervi chiesto un parere sulle gabbie della crudeltà, ovvero sulla provenienza di animali e prodotti d'origine animale che mangiate, vi chiedo oggi un commento sulla questione del Benessere animale.

Anche gli animali d'allevamento hanno diritto al proprio benessere, secondo quanto sanciscono le normative che regolano l'attività veterinaria, la sicurezza alimentare e la normativa UE sull'argomento, che ha riconosciuto il benessere come condizione intrinseca degli animali, e come diritto. Il primo documento relativo al benessere animale, è il Brambell Report, nel quale si enunciano le 5 libertà per la tutela ed il benessere degli animali, ribadite dalla legislazione tutt'ora in vigore:


    1. libertà dalla fame, dalla sete e dalla cattiva nutrizione;


    2. libertà dai disagi ambientali;


    3. libertà dalle malattie e dalle ferite;


    4. libertà di poter manifestare le caratteristiche comportamentali specie-specifiche;


    5. libertà dalla paura e dallo stress.

Le cinque libertà fondamentali degli animali per il benessere animale sono riconosciute dagli Stati dell'Unione Europea, garantite dall'attività di controllo dei medici veterinari che vigilano sulla salute degli animali, e applicate dagli allevatori che sfamano e crescono gli animali per ricavarne un reddito. Tutto ciò, almeno, in teoria, anche se la crescente attenzione da parte dei consumatori verso ciò che si mangia e sui metodi della produzione crea un ulteriore controllo sulla qualità e sui metodi d'allevamento. Supponiamo che ad ogni animale d'allevamento siano garantite le cinque libertà fondamentali per il benessere animale così come richiesto dalla legge: hanno senso se l'animale d'allevamento nasce, cresce e muore soltanto per raggiungere determinati standard di qualità che soddisfano l'uomo che li mangia?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
57 commenti Aggiorna
Ordina: