Tonno rosso: l'Ue finanzia la sua estinzione

Flickr L'unione europea finanzia la pesca al tonno rosso

Predicare bene e razzolare male: sembra questa la filosofia dell'Unione europea in merito alla tutela del tonno rosso, specie che si viene a riprodurre nel Mediterraneo ma che a causa di una pesca indiscriminata rischia l'estinzione già dal 2012. L'eurodeputato verde Raül Romeva i Rueda con una interrogazione parlamentare fatta nei giorni scorsi al Commissario per la Pesca, il maltese Joe Borg ha messo in evidenza come la stessa Ue finanzi la pesca al tonno rosso. La cifra finora sborsata, dal 2000 al 2008 è stata di oltre 34,5milioni di euro.

A ricevere i sussidi la Spagna, che si è accaparrata quasi il 50% del totale, la Francia e l'Italia, con Cipro, Malta e Grecia. In pratica la Ue ha finanziato il potenziamento delle flotte di pescherecci dediti anche alla pesca del tonno rosso.

Spiega Tutela Fauna:

La sovra capacità della flotta peschereccia europea è una delle cause che hanno portato all’eccesso di pressione sugli stock di tonno rosso, portando la specie – a detta degli scienziati – alle soglie dell’estinzione economica se non si assumono immediatamente provvedimenti draconiani. La situazione attuale, risultante da questi generosi aiuti europei, è che la capacità di pesca al tonno rosso della flotta europea ammonta al momento a quasi 22.000 tonnellate/anno, contro un tetto al prelievo – ritenuto ancora eccessivo dagli scienziati – di 12.400 tonnellate/anno.

Ora il paradosso è che la Ue ha deciso di finanziare il "depotenziamento" delle flotte. Sempre con i soldi pubblici.

Via | Tutela Fauna
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: