Nevada, 2500 cavalli mustang catturati e rinchiusi nei recinti perché devastano i pascoli

Molte associazioni animaliste americane, in questi giorni, stanno protestando poiché il BLM, Bureau of Land Management's, ha disposto la cattura e messa in recinto di 2500 cavalli mustang in Nevada (nel video in alto il sistema di cattura di una mandria di cavalli in Idaho). Secondo il BLM la cattura, che durerà un paio di mesi, si è resa necessaria poiché i cavalli con la loro presenza devastavano 850 miglia di pascolo destinato alle mandrie di bovini. I cavalli dopo la cattura sono rinchiusi in recinti in attesa, per alcuni, che arrivi un'adozione.

Secondo gli attivisti di Wild Horse preservation si potrebbero in alternativa adottare molte soluzioni che non la cattura e la chiusura dei cavalli in recinti. Propongono, ad esempio, di collocarli in riserve che rispettino la loro vita selvatica; uno sviluppo di ecoturismo; il controllo delle nascite.

La popolazione dei cavalli selvaggi è sempre stata molto numerosa: nell''800 furono censiti 2 milioni di capi contro gli attuali 25mila. Inoltre la cattura delle mandrie di cavalli, che avviene con una certa regolarità e il loro mantenimento negli ospizi costa alle tasche dei contribuenti americani circa 39 milioni di dollari l'anno.

Via | San Francisco Chronicle, Desert News

  • shares
  • Mail