Seguici su

Agricoltura

AIAB: “E’ il marchio di garanzia Qualità-lavoro la nostra etichetta etica nel biologico”

Dopo l’annuncio fatto ieri da Luca Zaia Ministro per l’agricoltura, a proposito dell’introduzione di etichette etiche per quei prodotti alimentari ottenuti con il rispetto dei lavoratori, l’AIAB, Associazione Italiana Agricoltura Biologica, mi ha inviato una mail in cui mi spiega che le aziende che producono secondo il metodo biologico già adottano le etichette etiche.

La proposta del Minisro Zaia è giunta a seguito degli scontri di Rosarno e della guerra civile che si è scatenata tra extracomunitari e cittadini calabresi facendo emergere una dura realtà, quella dello sfruttamento dei lavoratori agricoli, più spesso stagionali. Spiega AIAB:

A Rosarno, così come in tanti altri parti d’Italia, i prodotti della terra sono spesso pagati una miseria a chi li raccoglie: pochi centesimi al chilo per frutta e ortaggi che vengono venduti a prezzi maggiorati anche del 4-500%. A lavorare sui campi sono in gran parte immigrati clandestini, costretti a condizioni di vita indegne di uno stato civile.

Nel comparto biologico, invece, già da tempo esiste un’ autoregolamentazione che ha introdotto il marchio di garanzia “Qualità-lavoro”. Spiega Aiab:

Su questa strada, l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica e la Uila, Unione Italiana Lavoratori Agroalimentari, hanno intrapreso i primi importanti passi già da alcuni anni, istituendo il marchio di garanzia Qualità-Lavoro. Uila e Aiab, infatti, hanno individuato un sistema volontario di certificazione aggiuntiva per le aziende agricole biologiche che pone al centro il rispetto dei diritti dei lavoratori, a partire dalla sicurezza e dalla regolarità del contratto, troppo spesso disattesi nel settore agricolo. Le aziende rispondono alla nuova richiesta che viene dal mondo del consumo, sempre più attento alla qualità del prodotto, ma anche agli aspetti relativi alla qualità del lavoro. Il marchio “Qualità Lavoro” è nato nell’aprile 2007 dalla sottoscrizione al Cnel del Protocollo d’intesa Uila-Aiab, con la finalità di promuovere il biologico e la qualità del lavoro nel settore. Le aziende che aderiscono al marchio si impegnano così a non utilizzare lavoro infantile, non attuare discriminazioni razziali, culturali o di genere, non praticare punizioni corporali o violenza verbale; inoltre garantiscono: luoghi e condizioni di lavoro salubri e sicure, il rispetto del diritto all’attività sindacale, l’osservanza degli orari di lavoro legali e un salario che soddisfi i bisogni essenziali del lavoratore.

Foto | Flickr

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa