Carnevale, ricetta del sanguinaccio vegan

Carnevale, la ricetta del sanguinaccio vegan Dopo che vi siete cimentati nella famosa ricetta delle eco frappe squisite, non resta che trovare il degno accompagnamento, ossia il sanguinaccio vegan.

Ebbene si, i fantasiosi amici vegetariani hanno una ricetta anche per un alimento così particolare che di fatto dall'originale preparazione a base di sangue di maiale (l'ho mangiato. Me lo preparava mia nonna, ma allora ero una ignara bimba di 5 anni!) è divenuto una crema al cioccolato con qualche piccolo accorgimento vegan.

Ecco gli ingredienti e la preparazione così come suggerito da Luca chef di Veganblog:


  • 1 litro di latte di soia;
  • 700 gr. di zucchero di grezzo di canna
  • 160 gr. di cacao amaro;
  • 1 bustina di cannella (dovrebbe essere sei o sette grammi);
  • 2 bustine di vanillina;
  • 60 gr. di amido di mais;
  • Gocce di cioccolato fondente;


Dopo il salto la ricetta.

Il procedimento:

Frullare leggermente lo zucchero di canna. Unire tutti gli ingredienti in una pentola lavorando bene per eliminare tutti i grumi (io ho fatto tutto molto velocemente in un mixer). Mettere la pentola sul fornello a fiamma non troppo alta. Girare continuamente con un cucchiaio di legno per evitare che si attacchi sul fondo della pentola e si bruci tutto. Appena comincia ad addensarsi e sembra stia per bollire abbassare la fiamma al minimo e girare ancora un paio di minuti, il risultato finale deve essere denso. A questo punto il vostro sanguinaccio felice è pronto, va messo quindi a raffreddare in ciotole di vetro o di metallo e conservato in frigo, infatti a differenza della classica cioccolata, questa va servita fredda con gocce di cioccolato fondente e biscottini.

Mi permetto di aggiungere una annotazione che andrò a testare sulla mia ricetta: credo che ci sia un po' troppo zucchero e dimezzerei la dose, raddoppiando invece la quantità di cacao. Tutti gli ingredienti dovrebbero provenire da coltivazioni biologiche o quanto meno dal commercio equosolidale; al posto delle bustine di vanillina preferire i baccelli di vaniglia che si possono riutilizzare così come la corteccia di cannella.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: