Aspo Italia prende posizione sul "Clima Gate": il riscaldamento globale c'è.

Secondo Aspo Italia il global warming Ã�¨ incontrovertibileAspo Italia, la sezione italiana dell'Associazione per lo studio del picco del petrolio e del gas, prende posizione ufficialmente riguardo al "clima gate". Una posizione nettissima, in difesa dei dati raccolti negli anni dai ricercatori sul clima che, a detta dell'Aspo, verrebbero attaccati personalmente perchè non ci sono serie alternative di dati che possano smentirne il lavoro.

Si tratterebbe, quindi, di una sorta di demonizzazione degli scienziati dovuta a mancanza di argomenti scientifici sufficienti. I motivi delle critiche sono molti, ma Aspo ne sottolinea uno molto interessante:

I nostri dati e i nostri modelli indicano anche che il progressivo esaurimento dei combustibili fossili sta portando a un uso sempre maggiore di combustibili che emettono quantità maggiori di gas climalteranti a parità di energia prodotta. Ricorrere in modo esteso a questi combustibili, come il carbone e i liquidi estratti dalle sabbie bituminose, potrebbe peggiorare enormemente il problema climatico.



Ecco dunque dove starebbe l'interesse a minimizzare il global warming: essendo il petrolio in progressivo esaurimento, e dovendo di conseguenza utilizzare carbone e "petrolio non convenzionale", ridicolizzare il problema delle emissioni di CO2 è fondamentale.

Via | Aspo Italia

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: