I segugi salvati dal canile lager di Gessate

Tenuti nel buio totale e in condizioni indegne, all'interno sono stati trovati anche dei cuccioli morti.

schermata-2015-07-30-alle-09-54-49.png

L'operazione, condotta dai volontari dell'Eital (ente italiano tutela animali e lupo), dai Carabinieri e dal parlamentare del Movimento 5 Stelle Paolo Bernini, è stata condotta durante la notte e ha portato alla liberazione di 65 segugi tenuti rinchiusi in una canile lager di Gessate, a due passi dalla stazione della metropolitana.

Il canile, gestito da un cacciatore vincitore peraltro di numerosi premi in esposizioni canine, era abusivo e privo di ogni permesso, oltre a essere assolutamente fatiscente. Le fattrici venivano tenute completamente al buio assieme ai loro cuccioli, agli animali venivano somministrati farmaci scaduti e all'interno sono stati trovati anche dei cuccioli morti.

MILANO PROVINCIA: ALLEVAMENTO BRAMBILLA SOTTOSEQUESTROBLITZ Paolo Bernini #M5s e Antonio Colonna ( EITAL ) con i...

Posted by Paolo Bernini on Martedì 28 luglio 2015

Adesso sulla testa del cacciatore pendono le accuse di uccisione e maltrattamento di animali, esercizio abusivo di professione, somministrazione di farmaci scaduti e resistenza a pubblico ufficiale. Mentre gli animali sono stati portati in una struttura idonea indicata dall'Eital in modo da ricevere le cure necessarie.

  • shares
  • Mail