Sos Delfini: al via la campagna contro i delfinari italiani

Nella Giornata mondiale contro la cattività dei mammiferi marini Lav e Marevivo lanciano la campagna Sos Delfini 

Qualche giorno fa Marina Perotta vi ha parlato della campagna europea contro i 34 delfinari continentali che ospitano 386 cetacei in condizioni di cattività. Quest’oggi, in occasione della Giornata mondiale contro la cattività dei mammiferi marini, la Lega AntiVivisezione e Marevivo hanno lanciato a Roma la campagna europea Sos Delfini

In Italia i delfinari non hanno alcuna funzione educativa, ma solamente finalità spettacolari. Inoltre sono spesso fuorilegge, disattendendo in molti casi il decreto ministeriale 469 del 2001 che riguarda le norme relative al benessere degli animali. A volere la chiusura dei delfinari, secondo un sondaggio Ipsos, è il 68% degli italiani, mentre il 96% desidera che la cattura dei delfini con finalità spettacolari venga proibita o, comunque, strettamente regolamentata.

Sul sito sono elencate le principali problematiche connesse alla cattività: 

1) Nei delfinari convivono in gruppi artificiali, spesso diventano aggressivi e sono sottoposti a uno stress costante. Per mantenerli tranquilli o per curare i sintomi dello stress, di frequente si somministrano loro tranquillanti.

2) In cattività possono aggredirsi tra di loro e non avendo una via di fuga, persino arrivare ad uccidersi. Gli esemplari femmina corrono gravi rischi di soffrire di aborti, sempre a causa dello stress, ed ai maschi vengono frequentemente somministrati ormoni per cercare di ridurne l’aggressività.

3) Nei delfinari si nutrono esclusivamente di pesce morto ed hanno bisogno di vitamine a causa di questa dieta povera di nutrienti.

4) Nelle piscine non utilizzano i loro sistemi di ecolocalizzazione perché non hanno nulla di nuovo da scoprire e perché in molte vasche le onde sonore “rimbalzano” sulle pareti di cemento provocando loro un forte stress. Molto spesso questo habitat è così rumoroso che può provocare danni all’udito.

5) Nelle piscine, possono solo nuotare in circolo e per questo stesso motivo rischiano di cadere in depressione e vengono loro somministrati tranquillanti.

6) In cattività, molti esemplari muoiono giovanissimi e la speranza di vita di quelli che sopravvivono può ridursi a più della metà. Nei delfinari, è raro che i delfini vivano più di 20 anni e le orche molto raramente raggiungono la loro età media.

7) In cattività vivono privi di qualunque tipo di varietà ambientale e si annoiano a causa della mancanza di stimoli ed esercizio.


Via | Sos Delfini

Foto © Getty Images

 

 

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: