Le 50 centrali USA più inquinanti hanno emissioni pari a una Italia e mezza

Producono il 15% dell'energia, ma rappresentano il 30.4% delle emissioni del settore energetico. Per mantenere la temperatura entro i 2 °C andrebbero chiuse, con un raddoppio delle fonti rinnovabili; obiettivo ambizioso, ma non più difficile che andare sulla Luna


Il carbone è forse il principale nemico dell'ambiente (e quindi dell'umanità). Ora una nuova analisi del thin tank ambientale Environment America lo dimostra al di là di ogni ragionevole dubbio.

Le 50 centrali a carbone americane più inquinanti anno emesso nel 2011 656 milioni di tonnellate di CO2, il 30,4% del settore energetico e oltre una volta e mezza il totale delle emissioni italiane (430 Mt). Se fossero una nazione, sarebbero al settimo posto dell'elenco mondiale (vedi grafico in fondo al post; la centrale di Bowen nella foto in alto è al 13° posto tra le più inquinanti).

Questa è la disuguaglianza del carbonio, come giustamente la chiama il sito ambientale Thinkprogress: pochi ultra-inquinatori concentrano le emissioni che stanno progressivamente rovinando il pianeta e la civiltà come la conosciamo. Così non possono più continuare.

Per mantenere il riscaldamento globale entro i 2 °C, gli USA dovrebbero tagliare le loro emissioni tra il 25 e il 40% entro il 2020. Un buon inizio sarebbe chiudere questi 50 ecomostri senza prolungare la loro vita operativa , perchè le emissioni si ridurrebbero dell'11%.

Sarebbe un obiettivo ambizioso, poichè equivarrebbe a raddoppiare le attuali fonti rinnovabili negli USA, ma di certo non impossibile e comunque tecnologicamente assai più semplice dell'avventura lunare degli anni ì60-'70-.

 

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: