Maltempo, piena fatale a Massa Marittima. Paura a Nettuno e Anzio

A Massa Marittima due dispersi per la piena del Satello. Gravi disagi per allagamenti a Nettuno e Anzio. E a Venezia è tempo di acqua alta

Ore 14:40 Sono proseguite per tutto il giorno le ricerche dei corpi del padre e del figlio travolti dalla piena del torrente Satello. I Vigili del fuoco hanno annunciato di avere trovato il corpo del bambino, mentre risulta ancora disperso il corpo del padre. Trovati nella mattinata le giacche di entrambi e i rispettivi zainetti. È stata la madre a confermare i ritrovamenti.

Maltempo: due dispersi nel grossetano. Paura a Nettuno ed Anzio


L’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia ha fatto due dispersi in Toscana: la Procura di Grosseto ha aperto un’inchiesta per chiarire quanto è accaduto ieri a Massa Marittima, dove Markus Link, 45 anni, e suo figlio di sei anni sono stati travolti, insieme con la loro auto, dall’esondazione del torrente Satello. Gli uomini risultano dispersi. Secondo il racconto della moglie, Elisabeth Schneider, l’uomo avrebbe fatto scendere la donna per parcheggiare l’auto in prossimità dell’agriturismo nel quale alloggiavano. Mentre la donna proseguiva a piedi e l’uomo sistemava l’auto un’onda di piena del torrente Satello ha investito l’autovettura che è stata trovata a 150 metri, sotto l’arcata di un piccolo ponte. Poco prima sono state trovate la giacca dell’uomo e le scarpe del bambino.

Allagamenti a Nettuno e Anzio: diverse famiglie bloccate dall’acqua

Anche sul litorale laziale le piogge sono state particolarmente violente, specialmente a Nettuno, dove, questa note, 24 famiglie sono rimaste bloccate a numero 4 di via Giorgio La Pira. Le forti piogge hanno creato nelle abitazioni una barriera d’acqua di circa 2 metri, impedendo l’entrata e l’uscita dall’edificio. Per “liberare” gli abitanti del palazzo dovrà essere fatta defluire una massa d’acqua di 500 metri cubi, operazione che sta rendendo necessario l’intervento dei pompieri.

Altre situazioni critiche sul litorale laziale si sono verificate ad Anzio dove stanotte è franato un muro di contenimento a ridosso della via Nettunense e di alcune abitazioni al cui interno sono rimaste intrappolate nell’acqua cinque famiglie, per un totale di 15 persone. Nella stessa località è giunta una telefonata d’aiuto per alcune persone bloccate all’interno di un ristorante nel quale si temeva il crollo del tetto. Tanta paura a Nettuno e Anzio, ma, per fortuna, nessun ferito.

Acqua alta a Venezia e Chioggia


La Protezione Civile veneta ha rinnovato per quest’oggi l’allerta meteo per il rischio idraulico che riguarda l’area a sud della regione, quella del bacino di Chioggia. Fino alle 14 è chiesta la piena operatività delle componenti regionali della Protezione Civile poiché il possibile verificarsi di rovesci o temporali potrebbe creare disagi alla rete fognaria ma anche alla rete idrografica minore. Le zone che vengono maggiormente monitorate sono quelle del Basso Brenta e del Basso Adige.

Intanto, a Venezia, le condizioni meteo accompagnate dal vento che soffia dal mare stanno riportando il livello di mare sopra i 100 centimetri, con una punta di 105 centimetri che dovrebbe essere raggiunta intorno alle 13. Da domani l’acqua dovrebbe scendere.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail