Clima terrestre: l'energia accumulata è pari a quattro bombe di Hiroshima al secondo

Una widget di Skeptical Science permette di visualizzare l'energia accumulata nel clima terrestre in termini di numero di esplosioni di Hiroshima, uragani, terremoti, fulmini, oppure torri Big Ben piene di dinamite, tanto per farsi un'idea


Affermare che l'effetto serra sta accumulando energia nell'atmosfra al ritmo di 250 terawatt (1) è un'affermazione poco trasparente, che non dice gran che a chi non è addetto ai lavori.

Per questo il sito Skeptical Science, dedicato a smontare uno ad uno gli pseudo-argomenti dei negazionisti, ha pensato ad un widget che aiuti a farsi un'idea di cosa rappresentano questi numeri.

Scopriamo così che dal 1998 (2) ad oggi, l'energia extra accumulata negli oceani a causa del global warming antropogenico è pari a 2 miliardi di bombe atomiche di Hirshima (più di 4 al secondo) oppure 900 milioni di uragani Sandy (quasi 2 al secondo).

Vogliamo pensarla in termini di temporali? Si tratta allora di circa 500000 fulmini ogni secondo, oppure di 9 Big Ben (quello di Londra) pieni di dinamite che esplodono ogni secondo.

La metà dell'accumulo di energia degli ultimi 43 anni è avvenuto negli ultimi 15 anni, a riprova che il riscaldamento del pianeta sta accelerando, a dispetto di chi crede che si sia "preso una pausa". Poichè questa energia è normalmente spalmata sulla grande superficie del pianeta, normalmente non la vediamo; quando però si concentra, gli effetti sono visibili a tutti, soprattutto sotto forma di cicloni.

Il Widget è personalizzabile come colore, dimensione, stile e anno di inizio tra il 1970 e il 2000 e ne esiste pure una versione per Facebook.

(1) 250 TW=2,5E14 W. Poichè la superficie del pianeta è pari a 510 milioni di km² cioè 5,1E14 m², il riscaldamento specifico è pari a circa 0,5 W/m². Skeptical science ha quindi preso in considerazione solo il riscaldamento degli oceani e non l'intero forcing radiativo, che secondo l'ultimo rapporto IPCC è pari a 2,29 W/m².

(2) Skeptical Science ha scelto il 1998, proprio  perchè alcuni sostengono che dopo quell'anno ha rallentato, mentre è vero l'opposto.

  • shares
  • Mail