70 militari Us Navy deunciano TEPCO dopo essersi ammalati di cancro a Fukushima

Sono 70 i militari della Us Navy hanno contratto cancro alla tiroide, leucemia e tumore al cervello dopo aver soggiornato per 4 giorni a Fukushima nel mazo del 2011

Sono 70 i militari della Us Navy che che hanno deciso di denunciare TEPCO dopo aver contratti il cancro alla tiroide, leucemia e tunore al cervello, causato dall'esposizione alle radiazioni di Fukushima per 4 giorni secondo stime in dosi 300 volt superiori alla norma. I militari erano a bordo della portaerei Ronald Reagan e avevano risposto alle richieste di aiuto dopo l'incidente alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi l'11 marzo del 2011 a seguito del terremoto e dello tsunami.

La causa dell'insorgere delle malattie tumorali è dovuto, secondo i miltari alla contaminazione dell'acqua, usata per bere, cucinare e lavarsi.

La portaerei di classe Nimitz sebbene dotata di rilevatore di radiazioni sarebbe rimasta esposta a causa dell'impossibilità di attivare per tempo gli strumenti necessari a mettere in allerta i militari. La portaerei è rimasta in mare per circa due mesi e mezzo dopo aver subito la contaminazione a Fukushima poiché né la Corea e né lo stesso Giappone hanno acconsentito all'attracco nei loro porti.

I militari Lindsay Cooper e Mathew Bradley insieme con i loro avvocati Charles Bonner , Paul Garner e Cabral Bonner riferiscono le loro esperienze e le cause della contaminazione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail