Sea Shepherd intercetta baleniera giapponese con 4 balenottere uccise: il video

La flotta di Sea Shepherd salpata a Natale dall'Australia ha già individuato cinque navi della flotta giapponese di bracconaggio delle balene, tra cui la Nisshin Maru all'interno del Santuario delle Balene

La Steve Irwin, la Bob Barker e la Sam Simon le tre navi della flotta di Sea Sheperd con a bordo anche 3 italiani sono ora alla ricerca della flotta baleniera illegale per interrompere la loro caccia.

L'elicottero della Steve Irwin ha intercettato la Nisshin Maru nelle acque territoriali della Nuova Zelanda nella regione antartica di Ross Dependency antartica all'interno del Southern Ocean Whale Sanctuary riconosciuto a livello mondiale. Sea Shepherd ha fotografato e filmato il ponte della nave su cui giacciono le carcasse di tre balenottera minore sul ponte della Nisshin Maru mentre una quarta balena, che si ritiene essere una Minke, veniva macellata sul ponte insanguinato.

Jeff Hansen Managing Director di Sea Shepherd Australia ha dichiarato:

Il Santuario delle Balene dell'Oceano Meridionale è stata teatro dal massacro illegale di queste belle e maestose balenottere minori con azioni crudeli, violente e barbare dei bracconieri di balene giapponesi. Nessuno potrà mai conoscere il dolore e la sofferenza di questi giganti del mare gentili e giocosi nel momento in cui l'arpione esplosivo li ha infiocinati. Una cosa è certa, Sea Shepherd farà di tutto per evitare che altre balene debbano sopportare il dolore e la sofferenza inflitta per mano dei macellai del Giappone.

Il capitano della Steve Irwin, Sid Chakravarty ha detto:

Quando la "scienza" necessita di corpi di balene protette grottescamente ingrossate e passeggia su un ponte di una nave imbrattato con il loro sangue, trasportando le loro parti del corpo con ganci e catene e scartando i loro resti, allora questa "scienza" non ha posto nel 21 ° secolo. La Nisshin Maru è una nave macelleria galleggiante e il non deve stare nel Santuario delle Balene. Sea Shepherd sarà implacabile.

La flotta per il bracconaggio delle balene si trova nel Santuario in violazione alla moratoria globale sulla caccia commerciale alle balene del 1986 e con il pretesto della ricerca scientifica. Nel giugno 2013, il governo della Nuova Zelanda è entrato in sfida del governo australiano per la legittimità della caccia alle balene del Giappone nel Santuario delle Balene presso la Corte Internazionale di Giustizia con un verdetto ancora atteso.

Sea Shepherd Australia è l'unica organizzazione impegnata a difendere l'integrità del Southern Ocean Whale Sanctuary intervenendo direttamente contro le operazioni illegali della flotta baleniera giapponese.

Via e Foto | Sea Sheperd Australia

  • shares
  • Mail