Seguici su

Automobili GPL e Metano

Gli Stati Uniti consumano sempre meno petrolio

Secondo uno studio EIA, nel 2040 il consumo di carburante dovrebbe tornare ai livelli del 1965. Dal 2005 il consumo giornaliero di benzina è calato del 9%

Il New Deal energetico dell’amministrazione Obama non è quello della green economy promesso dal presidente durante la sua prima campagna elettorale, ma è quello dell’autonomia costruita sullo shale gas, un’autonomia di medio termine che si esaurirà – con danni irreparabili per l’ambiente – in qualche decennio e ancora più velocemente se gli Stati Uniti decideranno di esportare gas liquefatto verso l’Europa.

I dati dell’EIA (Energy Information Administration) ci dicono che la domanda di carburanti è diminuita negli ultimi anni: a causa della crisi gli americani hanno iniziato a guidare meno e ad acquistare automobili a basso consumo. Rispetto al 2005 c’è stato un calo del consumo giornaliero del 9%. Dal dopoguerra fino all’inizio del terzo millennio, gli americani hanno consumato sempre più petrolio, un trend la cui “corsa” ha subito un rallentamento soltanto durante la crisi petrolifera degli anni 70.

Nel 2040 si dovrebbe tornare ai livelli di consumo di benzina del 1965. Le previsioni a lungo termine sono intrinsecamente incerte, ma le proiezioni conducono verso un drastico calo. Gli automobilisti stanno cambiando approccio, acquistano auto di cilindrate più basse e, con la FCA, anche utilitarie come la nostra 500 (che in questi giorni si batte sui teleschermi americani contro Godzilla) non sono più folklore sulle strade americane.

Fino a qualche anno fa le autovetture facevano 22 miglia per gallone, ora 30 miglia per gallone, nel 2040 le prestazioni di consumo delle auto di ultima generazione saranno elevatissime consentendo di percorrere 47 km con un gallone.

Contestualmente al miglioramento delle prestazioni, c’è il calo dei chilometri percorsi per autoveicolo: si è tornati ai livelli di vent’anni fa, nella prima metà degli anni Novanta. Durante la crisi la gente utilizza meno l’auto per risparmiare, ma anche perché ci sono più disoccupati che non la devono utilizzare per andare al lavoro. E non è un caso che il picco dei chilometri percorsi sia stato toccato nel 2007, l’anno in cui è iniziata la crisi economica.

L’invecchiamento della generazione del baby boom (che sta entrando nell’età della pensione) e la crescita del telelavoro e dello shopping online fra i giovani stanno incidendo sulla decrescita degli spostamenti.

Inutile, però, farsi illusioni. Il petrolio resterà comunque centrale nel sistema dei trasporti pubblici e privati, anche perché le energie rinnovabili stanno crescendo troppo lentamente per garantire una riconversione alle fonti pulite. E nonostante la decrescita dei consumi, gli Stati Uniti continueranno a dipendere dall’importazione di petrolio. I segni meno sono un punto di partenza, ma il petrolio continuerà a governare le politiche energetiche e, conseguentemente, la politica tout court.

The sun sets over an oil platform waitin

Via | Fivethirtyeight

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa