Seguici su

Energia

Vivere per un giorno senza energia elettrica: è l’Energy Free Day

Il 26 luglio spegniamo l’elettricità per l’Energy Free day

Come si può sopravvivere nella nostra società a un giorno senza elettricità? Chi ha vissuto il black out in Europa del 27-28 settembre del 2003 probabilmente ancora ricorda il senso di smarrimento e l’incredibile silenzio che avvolgeva le città. Ebbene domani 26 luglio Alliance of European Voluntary Service Organisations celebra l’Energy Free Day, una giornata da vivere senza la presenza di elettricità. Per l’occasione diverse associazioni ambientaliste nel mondo, Legambiente, Lunaria e Yap in Italia, hanno organizzato dei campi in cui è possibile trascorrere la giornata senza che vi sia la benché minima traccia di attività elettrica.

Ma cosa si fa poi in questi campi? Come ci si organizza per il pranzo e la cena? Gli organizzatori suggeriscono una lista di soluzioni del tipo: usare il cibo che si ha a disposizione; cuocere il cibo prima dell’inizio dell’Energy Free Day; preparare tutti i pasti assieme agli altri partecipanti per dare sfogo alla creatività culinaria; preparare pietanze colorate con verdure che possano essere consumate crude; tenere le bevande al fresco in sacchetti adeguati; organizzare una cena al lume di candela; illuminare i vari ambienti con le lanterne; usare contenitori come vasetti o pirottini per ottenere piccole lampade; organizzare un piccolo concerto unplugged; organizzare una gara di canto; preparare ventagli fatti a mano; spegnere il telefonino e chiacchierare con gli altri; organizzare giochi di gruppo; organizzare un flash mob per comunicare come si vive senza elettricità.

Il progetto dell’Energy free Day nasce nel 2009 da diverse organizzazioni di volontariato internazionale concordi sull’importanza di promuovere azioni comuni e coordinate in tema di sostenibilità ambientale. Dal 2012 l’assemblea di Alliance ha approvato la creazione di un gruppo di lavoro e nominato un responsabile per la campagna sulla sostenibilità ambientale.

I campi presso cui si svolge l’Energy Free Day in Italia sono gestiti da Legambiente, Lunaria e Yap e sono 24 sparsi sul territorio nazionale e possono durare dalle 5 ore alle 24 ore. L’obiettivo e di calcolare poi a fine campo quanta CO2 si è risparmiata non utilizzando energia elettrica così da fornire appunto la stima di come funzionano i consumi.

La campagna si basa su 4 principi di azione: riduzione del consumo / inquinamento; consumo critico; azioni per migliorare l’ambiente; Le azioni di formazione per la sostenibilità. Il progetto viene perciò condiviso nelle comunità che discutono in tema di cambiamenti climatici e di azioni concrete e che partano dal basso da intraprendere.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa