Seguici su

Inquinamento

Amianto, in Europa 15 mila morti l’anno

In quindici Paesi europei la produzione e l’utilizzo dell’amianto restano legali

In occasione del meeting internazionale su ambiente e salute ad Haifa, l’OMS ha reso noti i dati sulle conseguenze della diffusione di manufatti ed edifici in amianto in Europa. Nel Vecchio Continente 15 Paesi non hanno ancora bandito la fibra killer: 300 milioni di persone, un terzo della popolazione europea vive, dunque, in territori che, almeno per il momento, non hanno una legge che ne precluda l’utilizzo e, naturalmente, che preluda alle attività di bonifica.

Il prezzo pagato dall’Europa all’amianto è di 15mila morti all’anno per mesotelioma pleurico e un costo per la sanità e tutte le attività connesse alle bonifiche e alla ricerca che si aggira intorno a 1,7 miliardi di euro l’anno.

Statisticamente le morti da mesotelioma pleurico, rappresentano la metà di tutte le morti dovute al cancro sviluppato in contesti lavorativi. I dati raccolti dall’uffio regionale per l’Europa dell’OMS fanno parte di uno studio volto alla progressiva riduzione ed eliminazione delle malattie asbesto-correlate. Nel report vengono prese in esame le legislazioni di 53 paesi europei relativamente alle malattie asbesto-correlate come mesotelioma, tumore ai polmoni, asbestosi e altre forme di cancro causate dall’esposizione all’amianto.

Albania, Andorra, Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Bosnia-Herzegovina, Georgia, Kazakhistan, Kyrgyzstan, Moldavia, Russia, Tajikistan, Turkmenistan, Ucraina e Uzbekistan sono le quindici nazioni nelle quali i legislatori non si sono ancora mossi per proibire la produzione e l’utilizzo della fibra-killer cancerogena.

Ma la soglia di attenzione di fronte a questo problema deve restare alta anche in Paesi come l’Italia dove l’amianto è proibito dal 1992. Il recente caso di Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche dell’Università di Torino, è esemplare dell’incuria con la quale le amministrazioni hanno trattato il tema della salute nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro. La prossima settimana, martedì 12 maggio, sempre a Torino, inizierà il secondo processo all’Eternit, l’azienda che più di ogni altra ha svolto il ruolo di “untrice” in giro per l’Europa e per il mondo.

Il censimento dei siti contaminati resta, per l’OMS, una delle priorità a livello continentale: solo una mappatura precisa e dettagliata, propedeutica alle attività di bonifica, può dare a eventuali legislazioni che vogliano aggiungersi alla lista dei Paesi che da tempo hanno dichiarato di volersi liberare della spada di Damocle dell’amianto.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa