Seguici su

Clima

La Nuova Zelanda respinge la prima richiesta di asilo climatico al mondo

Respinta la prima richiesta di asilo politico al mondo a causa dei cambiamenti climatici

[blogo-gallery id=”158911″ layout=”photostory” title=”Kiribati, cambiamenti climatici” slug=”kiribati-cambiamenti-climatici” id=”158911″ total_images=”10″ photo=”0,1,2,3,4,5,6,7,8,9″]

La giustizia neozelandese ha respinto la richiesta di Ioane Teitiota di diventare il primo rifugiato climatico del mondo. Teitiota, 38 anni delle Kiribati, aveva presentato la richiesta di asilo climatico sostenendo che lui, la moglie e i tre figli, tutti nati in Nuova Zelanda, correrebbero un pericolo mortale se fossero rimpatriati.

Il richiedente però, secondo la Corte Suprema della Nuova Zelanda non soddisfaceva i criteri necessari per ottenere lo status di rifugiato, ovvero essere minacciato di persecuzione nel suo paese natale. Secondo le Nazioni Unite Kiribati, insieme alle Maldive, a Tuvalu e a Tokelau, fa parte degli stati insulari che potrebbero ritrovarsi “senza terra” a causa del riscaldamento climatico: il paese è formato infatti da un arcipelago del Pacifico, composto da una trentina di atolli corallini la maggior parte dei quali si trova appena sopra il livello del mare, minacciato costantemente dall’innalzamento del livello del mare.

A inizio luglio si è tenuto a Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York un incontro ad alto livello sul cambiamento climatico, cui ha partecipato anche il ministro dell’ambiente italiano Gian Luca Galletti, il quale aveva usato proprio l’esempio delle isole Kiribati come paradigmatico dei rischi che il pianeta corre in virtù dei cambiamenti climatici:

“I problemi che affronta oggi un piccolo stato isola come Kiribati sono gli stessi che i nostri figli, in Italia, affronteranno tra qualche anno. Dobbiamo capire che i problemi dei Paesi più esposti devono diventare i problemi di tutti”

dichiarò il ministro italiano in conferenza stampa.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa