Kenya, ambientalisti impiccioni attaccati dagli elefanti

Nel parco di Mount Elgon in Kenya l'ambientalista anglo-malese Ian Redmond, noto biologo tropicale di fama internazionale, stava fotografando alcuni elefanti in compagnia di un team del Mount Elgon elephant monitoring (Meem), sponsorizzato dalla Born free foundation, di cui il naturalista è membro, quando a un tratto il gruppo è stato attaccato dai pachidermi.

Redmond stava osservando un branco a circa 150 metri di distanza quando un grosso esemplare maschio si è voltato e ha caricato la squadra, le cui telecamere hanno catturato alcuni fotogrammi dell'aggressione (potete vederle nel video in testa a questo post).

Redmond se l'è cavata solo con una spalla lussata e qualche escoriazione a collo e torace e certamente ci penserà due volte prima di avvicinare nuovamente così tanto, e per così tanto tempo, un gruppo di elefanti. Redmond ha affermato al Daily Mirror di ricordare perfettamente l'accaduto, comprese le sensazioni di spinta e di contatto con l'elefante: si è salvato solo grazie all'intervento dei ranger, che sparando colpi in aria hanno spaventato gli animali che se ne sono andati: ha monitorato ed osservato quelle bestie per 36 anni e afferma che non si erano mai comportati in quel modo.

Secondo una plausibile ricostruzione il branco era molto stressato sia per le attività di bracconaggio che per quelle carbonaie, che mettono a rischio l'incolumità degli elefanti.

  • shares
  • Mail