Auto a idrogeno: la nuova Toyota Mirai al Salone di Tokyo

Toyota, da sempre grande innovatrice, guarda al futuro della mobilità sostenibile e percorre con convinzione la strada delle auto a idrogeno, dotate di grande potenziale.

Al Salone di Tokyo, in programma dal 24 ottobre al 4 novembre, sarà offerta al pubblico un'anteprima speciale della nuova Toyota Mirai, auto a idrogeno che fissa una nuova frontiera nel suo ambito, con un'autonomia estesa del 30% rispetto ad oggi.

Il merito è in buona parte ascrivibile a un'ulteriore sviluppo della tecnologia Toyota Fuel Cell System, a garanzia della massima efficienza e di una gradevole dinamica di guida.

La nuova Mirai sarà molto più di una semplice eco-car e vuole dimostrare come la tecnologia FCEV non ponga limiti alla creazione di un modello piacevole da condurre e con un taglio stilistico di carattere. Il lancio è previsto nel 2020, inizialmente solo in Giappone, America Settentrionale ed Europa. Poi si guarderà altrove.

Tema prioritario nel suo sviluppo, in linea con la filosofia Toyota, è stato quello dell'efficienza: la casa giapponese punta, come già anticipato, ad incrementare del 30% l'autonomia grazie al perfezionamento del sistema di celle a combustibile e all'utilizzo di serbatoi per l'idrogeno più grandi.

Costruita sulla nuova piattaforma modulare TNGA, la Toyota Mirai vuole appagare sul piano dell'agilità, della maneggevolezza, della sicurezza e delle performance. L'auto ibrida di cui ci stiamo occupando è stata concepita come modello da scegliere per i livelli di performance e per il look distintivo, non soltanto per la sua natura di FCEV.

Ricordiamo che il lancio di Mirai, nel 2014, ha aperto nuovi orizzonti per il settore automotive, sensibilizzando il pubblico sulle qualità dell'alimentazione a idrogeno, che potrebbe diventare la soluzione ideale per un futuro più pulito e sostenibile. La vettura attualmente in listino è dotata di tecnologie avanzate e consente un'autonomia di circa 500 chilometri, con tempi di rifornimento di pochi minuti e soltanto gocce d'acqua come emissione.

Oggi Toyota porta la sua avanzata tecnologia delle celle a combustibile (FCEV) su un nuovo livello, presentando la seconda generazione di Mirai, che estende l'autonomia di marcia della nota auto ibrida e promette una risposta più lineare nelle partenze da fermo e una marcia più confortevole, con una maggiore linearità tra l'apertura della farfalla e l'accelerazione della vettura.

  • shares
  • Mail