India: a Nuova Delhi è emergenza inquinamento

Una coltre di smog rende irrespirabile l'aria a Nuova Delhi. Varati dei limiti per contenere le emissioni inquinanti e per salvaguardare la salute pubblica.

pannelli-fotovoltaici-rendimento-inquinamento-atmosferico.jpg

L'inquinamento ambientale ha raggiunto livelli preoccupanti a Nuova Delhi. La capitale dell'India è avvolta dallo smog che, come una nube, cinge gli spazi rendendo pesante la respirazione.

Per cercare di arginare i rischi sulla salute della cittadinanza, l'esecutivo di Kejriwal ha varato dei provvedimenti restrittivi sulla circolazione, adottando le targhe alterne. Chiusi per alcuni giorni anche i cantieri e le scuole.

Con questi provvedimenti si spera di ridimensionare l'emergenza, circoscrivendo la tela dei rischi, ma il problema è grave e merita di essere affrontato in chiave strutturale.

A Nuova Delhi abitano 20 milioni di persone: facile immaginare cosa significhi una situazione del genere. Non è la prima volta che una coltre di gas inquinanti avvolge in modo vistoso la capitale, ma forse non si erano mai raggiunti livelli così acuti.

Le emissioni industriali, i servizi domestici, gli incendi agricoli degli stati confinanti e il traffico veicolare hanno concorso, insieme ad altri fattori, a generare questo quadro. L'amministrazione cerca di correre ai ripari, ma potrebbe non bastare. Il tema dell'inquinamento è entrato in modo significativo nel dibattito politico dell'area, in vista delle elezioni di inizio 2020.

Fonte | Rai news

  • shares
  • Mail