Seguici su

Auto Elettriche

Nasce ZETA, il consorzio per il 100% elettrico entro il 2030

Nasce ZETA, il consorzio statunitense per spingere l’implementazione totale delle auto elettriche entro il 2030: tra i partecipanti anche Tesla.

Ricarica elettrica

Arriva ZETA, il consorzio di produttori di auto elettriche nato per incentivare la transizione a questa tecnologia entro il 2030. Un progetto ambizioso che vede tra i partecipanti nomi di punta dell’automotive, pronti ad attività di lobbying per la mobilità sostenibile. L’obiettivo primario è infatti quello di spingere l’elettrico anche e soprattutto per ridurre il peso delle vetture sui cambiamenti climatici.

La nuova organizzazione include 28 produttori legati all’industria delle auto elettriche, tra cui Tesla, Lucid, Rivian e molti altri ancora. L’obiettivo è importante: fare in modo che, entro il 2030, sul mercato si possa vendere il 100% di vetture elettriche, sia automobili consumer che veicoli commerciali di media e grande portata.

L’organizzazione ZETA – acronimo di Zero Emission Transportation Association – ha deciso di nominare Joe Britton come direttore esecutivo del gruppo, data la sua esperienza al Senato a stelle e strisce. Felice per il nuovo ruolo, l’esperto ha così commentato:

Per la prima volta in una generazione, i trasporti sono la fonte primaria di emissioni negli Stati Uniti. Favorendo le auto elettriche, i politici federali possono aiutare la spinta verso l’innovazione, creare migliaia di nuovi lavori, migliorare la qualità dell’aria e proteggere la salute pubblica. La formazione di ZETA riconosce il momento importante per una leadership nazionale e riflette il desiderio di una crescita nel settore dei trasporti puliti.

L’associazione ZETA ha già reso noto un piano per una transizione veloce all’elettrico, cinque punti che serviranno all’intero mercato:

  • Accelerare l’adozione dell’elettrico con incentivi ai consumatori;
  • Approvare standard di emissioni e performance che garantiscano il 100% di nuove auto elettriche entro il 2030;
  • Investire nelle infrastrutture, come le stazioni di ricarica;
  • Favorire la produzione interna negli Stati Uniti, per incentivare la creazione di nuovi posto di lavoro;
  • Garantire investimenti pubblici nella ricerca e nello sviluppo.

Fonte: ElecTrek

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa