Gardaland chiude il delfinario Palablu

Sono iniziate dal 6 gennaio le operazioni di smantellamento del delfinario Palablu a Gardaland.

La scelta è stata presa nonostante il pienone di pubblico agli spettacoli che portava 759 mila spettatori per il tutto esaurito a ogni stagione. I delfini saranno probabilmente trasferiti all'acquario di Genova.

Per i quattro delfini Robin, Teide, Betty e Nau si prospetta dunque una vita lontana dal palcoscenico e più a contatto con la loro natura. La decisione era nell'aria dal almeno un paio di anni, ovvero da quando Merlin Entertainments ha iniziato a fare i conti più che con gli incassi con l'etica. Nelle pagine del loro sito è ben in evidenza la policy relativa al benessere degli animali e dei mammiferi riguardo ai loro spettacoli. ma è evidente che non era sufficiente a fronte anche del costante impegno della multinazionale a sostenere la fauna marina e contro ogni caccia.

Infatti come ha spiegato Danilo Santi direttore Gardaland:

Merlin Entertainments ha un’eccellente reputazione per cura etica e responsabile, preservazione e conservazione di animali e dell’ambiente marino, tutto riconosciuto da organizzazioni di esperti di tutto il mondo. Nel caso dei delfini e di altri cetacei abbiamo espresso pubblicamente le nostre preoccupazioni riguardo all’opportunità di usarli come animali da esibizione senza mai approvare la cattura di queste creature allo stato brado né per propositi legati all’intrattenimento né per alcun altro proposito.

Santi tiene a precisare che da cinque anni il delfinario era più un luogo di didattica che non di spettacolo puro poiché il pubblico:

ha assistito soltanto a presentazioni sui comportamenti dei delfini con informazioni didattiche specifiche sul loro habitat e le loro peculiarità, puntando maggiormente sulla didattica e sull’educazione ambientale dell’ospite che sulla spettacolarità della presentazione.

Nell'insieme la decisione presa sembra essere davvero saggia. E probabilmente il ritorno di immagine che avrà la Merlin Entertainments sarà considerevolmente elevato e superiore alle perdite degli introiti della stagione degli spettacoli dei delfini.

Via | La Voce di Venezia, Industria del Turismo
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: