Seguici su

Clima

«Seguiteci»: i paesi più poveri del pianeta vogliono ridurre le emissioni di CO2

I 49 paesi più poveri del mondo, situati nell’Africa equatoriale, in Asia e Oceania si impegnano per ridurre l’emissioni di CO2 anche se sono responsabili solo per l’1,4%. Un bello schiaffo politico e morale verso l’ingordigia dei ricchi del pianeta

Con una mossa politica straordinaria, i Least Developed Countries (LDC) cioè i 49 paesi più poveri del pianeta hanno deciso di impegnarsi a riduzioni significative nelle emissioni di CO2, in modo da spingere i paesi più ricchi a fare altrettanto.

Queste nazioni rappresentano il 12% della popolazione mondiale, ma sono responsabili solo dell’1,4% delle emissioni (era l’1,6% nel 1982, dati BP). Per fare un confronto, l’Unione Europea, che rappresenta solo il 7% della popolazione, contribuisce invece per il 12%.

Gli LDC hanno il potenziale reale di velocizzare i tempi geologici dei negoziati delle Nazioni Uniti per il clima. Il bengalese Quamrul Chawdhury, capo negoziatore per il clima degli LDC, dice che lo slogan dei più poveri è “seguiteci”, come a dire che i paesi più ricchi ora non hanno più scuse nell’impegnarsi seriamente nel taglio delle emissioni.

I settori in cui si potrebbero avere miglioramenti sono quello forestale (riduzione della deforestazione e nuove afforestazioni) e quello energetico; ci sono interessanti progetti di sviluppo di micro-idroelettrico in Buthan e di fotovoltaico in Bangladesh, mentre  Somalia, Mozambico e Madagascar hanno un ottimo potenziale per l’energia eolica.

Se gli LDC si impegneranno in questa direzione avranno ottime possibilità di successo perché, a differenza delle “grasse” economie occidentali hanno molto meno da tagliare.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa