Autostrada Orte-Mestre: a Ravenna un convegno per dire no all'opera da 10 miliardi di euro

Una cordata di associazioni ha creato la Rete Stop Orte-Mestre che si oppone alla costruzione di questa nuova arteria transappenninica che unirebbe il Lazio al capoluogo veneto

 

Dieci miliardi di euro in project financing per 396 chilometri. Sono questi i numeri da capogiro (tanto per fare un esempio quelli necessari a Cipro per non fare bancarotta) dell’autostrada Orte-Mestre che dovrebbe attraversare cinque regioni simmetricamente tracciando una sorta di grande x con la parte settentrionale della dorsale appenninica.

Domani, sabato 25 maggio, a Ravenna si terrà il primo convegno nazionale per portare alla luce dei media e della politica un progetto che soffre di un’eclissi permanente da parte dei media mainstream, sempre di più arrendevoli sponde per i grandi progetti frutto di una concezione ottocentesca e industriale del progresso.

Della Rete Stop Orte-Mestre fanno parte WWF Italia, Legambiente, Mountain Wilderness Italia onlus, Forum Salviamo il Paesaggio, Stop al Consumo di Territorio, Federazione Nazionale Pro Natura, Movimento 5 Stelle.

Relatori di livello internazionale descriveranno il progetto affrontando gli aspetti trasportistici, economico-finanziari e di impatto ambientale. Il comitato ha redatto un decalogo dei “buoni motivi” per non approvare l’opera:

1)    Il costo dell’opera – 10 miliardi di euro – non è economicamente sostenibile – tanto che persino il Ministero dell’Economia ha sollevato di recente numerose obiezioni;

2)    Lungo il suo percorso l’autostrada provocherebbe gravi danni a zone di grande interesse paesaggistico e naturalistico (Delta del Po, Vali di Comacchio, laguna di Venezia, Parco delle Foreste Casentinesi e valli appenniniche);

3)    Il percorso consumerebbe suolo prevalentemente inedificato;

4)    Favorirebbe la cementificazione delle aree libere adiacenti alle infrastrutture di accesso;

5)    Determinerebbe un sensibile aumento dell’inquinamento acustico e atmosferico e avrebbe conseguenze anche sugli equilibri idrogeologici delle aree più fragili;

6)    Presenta un equilibrio costi-benefici estremamente negativo poiché i flussi di traffico attuali e futuri non giustificano la costruzione di un’altra autostrada;

7)    Privilegerebbe il trasporto su gomma nei confronti di quello ferroviario o marittimo;

8)    Sposterebbe su questa grande opera le risorse necessarie per la manutenzione delle strade già esistenti;

9)    Avrebbe tempi di realizzazione molto lunghi (dai 10 ai 15 anni) in cui gli scenari economici e trasportistici potrebbero cambiare radicalmente;

10) Favorirebbe la corporazione dei concessionari autostradali e le imprese edili che speculano su questo tipo di operazioni.

L’appuntamento, dalle ore 10 alle 17:30 è alla sala d’Atorre, presso la Casa Melandri di Ravenna, in via Ponte Marino.

Via | Altreconomia

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail